Bossetti Dna | vittoria della difesa | “La prova della sua innocenza”

0
5496
Bossetti Dna
Bossetti Dna risultato importante dalla difesa del muratore FOTO tuttomotori

Massimo Bossetti Dna, la difesa del muratore di Mapello condannato all’ergastolo per l’uccisione di Yara Gambirasio punta a riaprire il caso.

Svolta per Massimo Bossetti, col Dna a centrare in questo nuovo aggiornamento che riguarda il delitto di Yara Gambirasio. La ragazzina venne uccisa nel 2010 alla fine di novembre. Il corpo fu trovato solamente tre mesi dopo, nel febbraio 2011, all’interno di un campo a 10 km da Brembate, in provincia di Bergamo. Nel 2014 fu arrestato per questo omicidio Massimo Bossetti, che poi ha ricevuto una condanna definitiva anche in Corte di Cassazione. Ora il muratore di Mapello sta scontando l’ergastolo nel carcere milanese di Bollate, ma lui si è sempre proclamato innocente. Adesso però la sua difesa ha ottenuto un risultato significativo, riuscendo ad avere il luogo a procedere da parte della Corte d’Assise di Bergamo di poter visionare dei reperti legati al delitto. Reperti raccolti nel corso del tempo dagli investigatori. Tra questi ce ne sono alcuni sui quali non vige l’obbligo della distruzione. Figurano in particolare i vestiti ritrovati addosso a Yara dopo essere stata uccisa. Leggins, slip, scarpe e giubbotto.

LEGGI ANCHE –> Massimo Bossetti, il dramma della moglie Marita

Bossetti Dna, la difesa ritiene di poter dimostrare la sua innocenza

Poi anche dei campioni di tracce genetiche. Un accesso che fino ad oggi era sempre stato negato alla difesa. Queste tracce di Dna che i legali di Bossetti potranno esaminare sono custodite all’ospedale ‘San Raffaele’ di Milano e hanno sempre rappresentato una anomalia nel processo, stando alla linea difensiva. I legali sostengono che quel Dna non sia di Bossetti: “Ci sono ben 261 criticità nel confronto”. E la difesa del condannato potrà prendere visione anche dei reperti prodotti dai Ris. Ovvero dvd con immagini e filmati raccolti sulla scena del delitto. C’è anche una moderata fiducia nello sfruttare nuove tecnologie per “effettuare nuovi prelievi, dai quali non solo verificare quanto già emerso, ma ricavare altresi ulteriori informazioni potenzialmente utili anche ai fini investigativi e di ricerca di caratteristiche peculiari come l’originale ancestrale e il fenotipo dei Dna ignoti”. La difesa chiederà lo svolgimento di nuovi esami attraverso un incidente probatorio. Lo scopo è ricavare “risultati scientificamente rilevanti”, con la possibilità che emergano prove tali da scagionare Bossetti.

LEGGI ANCHE –> Omicidio Yara Gambirasio: la decisione della Corte europea dei diritti dell’uomo per Bossetti

Massimo Bossetti
Massimo Bossetti, la moglie ha gravi problemi – FOTO tuttomotoriweb