Omicidio Luca Sacchi, per il giudice non c’è dubbio: “Anastasia fredda e professionale”

Luca Sacchi
Luca Sacchi (foto dal web)

Nello zaino di Anastasia, la fidanzata di Luca Sacchi, il giovane ucciso lo scorso 23 ottobre, c’erano 70mila euro: l’ingente somma sarebbe servita all’acquisto di 15 chili di droga. Il Gip ha ritenuto che la giovane sia stata “fredda e professionale nell’affare di droga“.

Ci sarebbero stati settantamila euro nello zaino di Anastasia Kylemnyk, la fidanzata di Luca Sacchi, il giovane freddato da un colpo di pistola lo scorso 23 ottobre a Roma. A spiegarlo il procuratore Michele Prestipino e l’aggiunto Nunzia D’Elia, ad avviso dei quali l’ingente quantità di denaro sarebbe servita ad acquistare 15 chili di droga. Per gli inquirenti la ragazza era in procinto di acquistare da Giovanni Princi la sostanza stupefacente. Questa mattina la 25enne ucraina è stata raggiunta da un’ordinanza cautelare che le impone l’obbligo di firma in caserma e contestualmente è stata disposta la perquisizione del suo appartamento.

Omicidio Luca Sacchi: “Anastasia fredda e professionale” le parole del Gip che ha emesso l’ordinanza

Anastasia Kylemnyk questa mattina, come altre quattro persone, è stata raggiunta da un’ordinanza di misura cautelare: nello specifico è stato disposto per la babysitter ucraina l’obbligo di presentazione in caserma e la perquisizione del suo appartamento. La ragione alla base del provvedimento si rintraccerebbe nella circostanza per la quale Anastasia Kylemnyk voleva acquistare della sostanza stupefacente. Nel suo zaino, riferiscono il procuratore Michele Prestipino e l’aggiunto Nunzia D’Elia sarebbero stati rinvenuti ben 70mila euro utili ad effettuare l’illecita compravendita. Una transazione come noto alle cronache mai andata a termine e finita nel sangue poiché i due giovani accusati dell’omicidio di Luca Sacchi, nell’intento di sottrarre il denaro e non consegnare la merce, avrebbero esploso il colpo di pistola che ha ucciso il 24enne romano.

Anastasia Kylemnyk fredda e professionale nell’affare di droga“, questo avrebbe scritto, stando a quanto riportato dalla redazione di Fanpage, il Gip Costantino de Robbio, nell’ordinanza di custodia cautelare che questa mattina ha raggiunto la giovane. Per il giudice, Anastasia “ha agito con freddezza e professionalità nella gestione della trattativa dell’incarico affidatole di detenzione del denaro e di partecipazione alla delicata fase dello scambio“. L’appartamento in cui vive la ragazza, insieme ai suoi genitori è stato perquisito questa mattina: gli investigatori sono a lavoro per analizzare gli effetti personali della ragazza che potrebbero rivelare ulteriori elementi.

Oltre ad Anastasia, questa mattina, sono stati raggiunti dalla misura della custodia cautelare in carcere, per concorso in omicidio, rapina aggravata e detenzione illegale di armi, Pirino e Del Grosso, i due ragazzi già reclusi, e un terzo giovane, un 22enne, accusato di aver fornito ai primi due la pistola. Custodia cautelare in carcere anche per Giovanni Princi, amico di Luca Sacchi.

omicidio Luca Sacchi
Luca Sacchi e la fidanzata (foto dal web)

Leggi anche —> Omicidio Luca Sacchi, indagata Anastasia: disposte diverse misure cautelari