Rimac C_Two, debutto a Ginevra con un nuovo nome

0
68
(Image by Motor1)

Se avete tenuto d’occhio la scena delle supercar e delle hypercar, allora avrete sicuramente sentito parlare di Rimac.

Il produttore croato di hypercar ha abbracciato il futuro elettrificato a emissioni zero, con la C_Two e ha promesso specifiche tecniche che hanno sollevato più di qualche sopracciglia. Con i prototipi già in fase di test, la C_Two è rimasta relativamente modesta nelle notizie da quando è stata rivelata circa due anni fa a Ginevra. Ma l’ultimo scoop del recente colloquio di ‘Autocar‘ con Mate Rimac è che c’è ancora molto da scoprire sulla C_Two, e questo non è nemmeno il vero nome della vettura ancora.

Proprio così, il nome della C_Two cambierà quando il veicolo entrerà in produzione. Quanto tempo ci vorrà? Rimac dice che la prima versione di serie sarà presentata al salone di Ginevra all’inizio del 2020, ma non hanno ancora deciso il nome. Mate ha anche detto che la versione di produzione sarà ” compatibile con” il primo lotto di produzione per entrare nelle sue fasi finali di creazione entro la fine dell’anno, e il 25% saranno prototipi di pre-produzione.

(Image by Motor1)

Ha anche in programma di aprire un centro di ricerca e sviluppo nel Regno Unito, oltre all’ “experience center” HR Owen da 50 milioni di dollari a Hatfield, Hertfordshire, che servirà da outlet per i suoi marchi di lusso. La società, che conta 600 dipendenti, mira a produrre circa 40-50 esemplari di hypercar all’anno.

Dal punto di vista delle prestazioni, sappiate che la C_Two ha quattro motori elettrici con una potenza combinata di 1.914 cavalli e una coppia di 2.300 Nm, consentendo un’accelerazione da 0 a 100 km/h in soli 1,85 secondi, mentre lo 0-200 km/h impiega appena 11,8 secondi.

Oltre ai numeri sconvolgenti delle prestazioni, la C_Two ha anche un’impressionante autonomia grazie a una batteria da 120 kWh, che consente di percorrere 550 km secondo il WLTP.