Panico per il ponte Sori

0
941
Panico per il ponte Sori
Viadotto Sori (foto IVG)

Panico per il Ponte Sori: una donna di Recco di 37 anni ha scatenato il panico in molti liguri per aver diffuso su una chat condivisa da alcuni genitori notizie preoccupanti sul viadotto ligure. Ma c’è un fondo di verità?

Panico per il Ponte Sori a seguito della diffusione, dovuto all’effetto domino della notizia, via whatsapp da parte di una donna di 37 anni di Recco (GE).

Infatti, la donna avrebbe inviato un audio, poi diventato virale su WhatsApp, con cui annunciava il rischio di crollo per il viadotto Sori dell’autostrada A12.

Per il fatto la donna è stata rintracciata dai Carabinieri e ora dovrà rispondere di procurato allarme, come riportava ieri Il Secolo XIX.

Il messaggio diceva: “Un amico di mio marito fa il geologo e ha detto non prendere il ponte perché dopo questo mese di piogge, visto che era già pericoloso all’80%, è arrivato a una pericolosità del 160% e ha un pilone pieno d’acqua”.

Il messaggio era in origine destinato esclusivamente a una chat scolastica di genitori. Tuttavia, l’effetto domino del sistema di messaggistica ha fatto sì che in poche ore il file abbia raggiunto migliaia di liguri.

Leggi anche —–>>>Crolla ponte in mattinata, non regge peso di un camion: morta ragazza di 15 anni

C’è un fondo di verità nel panico per il ponte Sori?

La donna si è giustificata dicendo: “Non volevo scatenare il panico”.

Tuttavia, proprio di panico si è trattato e la Regione Liguria quindi provveduto a chiarire la situazione con un post su Facebook: “La Direzione di tronco di Autostrade ha smentito categoricamente questa fake news. Invitiamo come sempre i cittadini a informarsi presso le fonti ufficiali e a non condividere messaggi dai contenuti chiaramente dubbi”. Successiva anche la nota tecnica di Aspi.

Ma c’è un fondo di verità nel dubbio? Il quotidiano genovese Genova24.it aveva raccontato circa un mese fa che il viadotto Sori era stato oggetto di ispezioni da parte della procura di Genova, che indaga sul caso dei falsi report di Aspi e Spea.

Recentemente i vertici del concessionario hanno incontrato i pm dai quali sono partiti gli input per le chiusure. Pertanto, deve concludersi che se ci fossero state la necessità e l’urgenza di chiudere il Sori, sarebbe stato emanato un comunicato in tal senso.

Dobbiamo quindi al momento concludere che non vi sia alcun invito a non transitare sul Ponte Sori.

Panico per il ponte Sori
Punte (foto Pixabay)