Maxi operazione della Guardia di Finanza: decine di arresti in diverse regioni

Guardia di Finanza
Guardia di Finanza (foto dal web)

La Guardia di Finanza stamane ha eseguito una maxi operazione, ribattezzata Grande Raccordo criminale, arrestando 51 persone accusate di far parte di un’organizzazione di narcotrafficanti. Tra gli indagati ci sarebbe anche il nome di Fabrizio Piscitelli, alias Diabolik.

Una maxi operazione è stata svolta stamane, giovedì 28 novembre, dai finanzieri del Comando provinciale di Roma che hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di 51 persone, 50 in carcere ed una agli arresti domiciliari, tra Lazio, Calabria e Sicilia. L’ordinanza è stata emessa dal Gip su richiesta della Direzione distrettuale antimafia di Roma. I soggetti coinvolte nell’operazione, denominata Grande Raccordo criminale, come riporta la redazione de La Repubblica, sarebbero accusati di far parte di un’organizzazione criminale specializzata nel traffico di sostanze stupefacenti.

Leggi anche —> Serena Mollicone, il padre Guglielmo colpito da un infarto: è grave

Operazione Grande Raccordo criminale: la Guardia di Finanza arresta 51 persone, tra gli indagati anche Diabolik

I militari della Guardia di Finanza del Comando provinciale di Roma stamane hanno eseguito una maxi operazione, denominata Grande Raccordo criminale. Impegnati nel maxi blitz, come riporta la redazione de La Repubblica, circa 400 finanzieri con il supporto di elicotteri e delle unità cinofile, che hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di 51 persone, 50 finite in carcere ed una agli arresti domiciliari, tra Lazio, Calabria e Sicilia. L’ordinanza è stata emessa dal Gip del Tribunale locale su richiesta della Direzione distrettuale antimafia di Roma nei confronti dei soggetti accusati di far parte di un’organizzazione criminale dedita allo spaccio di sostanze stupefacenti che aveva dei legami con la ‘ndrangheta calabrese. Quest’ultima, come riporta Repubblica, era in grado di rifornire la maggior parte delle “piazze di spaccio” della Capitale ed aveva formato una “batteria di picchiatori”, la quale aveva il compito di eseguire attività estorsive con l’impiego della violenza per recuperare i crediti maturati. Tra i nomi degli indagati dell’operazione della Guardia di Finanza, anche quello di Fabrizio Piscitelli, alias Diabolik, l’ultra della Lazio assassinato con un colpo di pistola lo scorso 7 agosto nel Parco degli Acquedotti di Roma. La sindaca di Roma Virginia Raggi si è complimentata con le forze dell’ordine con un post sul proprio profilo Twitter scrivendo: “Grazie alla Guardia di Finanza e alla Procura di Roma per la maxi operazione, con 51 arresti, contro un’organizzazione che inondava di droga la nostra città. Le istituzioni sono unite per combattere criminalità e violenza“.

Fabrizio Piscitelli alias Diabolik
Fabrizio Piscitelli alias Diabolik (foto dal web)

Leggi anche —> Donna morta in casa: la polizia scopre secondo cadavere nel congelatore