3 milioni di posti di lavoro nei prossimi 5 anni

3 milioni di posti di lavoro nei prossimi 5 anni
Soldi che crescono dalle piante (foto Pixabay)

3 milioni di posti di lavoro nei prossimi 5 anni verranno dalla green economy e dalla robotica, settori in ascesa esponenziale. Secondo il Report Unioncamere le maggiori opportunità saranno per medici, economisti e ingegneri oltre alle professioni tecniche sempre molto ricercate.

3 milioni di posti di lavoro nei prossimi 5 anni saranno svolti dagli specialisti anche dell’economia circolare e del digitale.

Le professioni richieste saranno tecniche nel 35% dei casi.

Unioncamere ha infatti stimato che tra il 2019 e il 2023, vi sarà un fabbisogno occupazionale che va dai 3 ai 3,2 milioni di posizioni.

Così facendo l’80% del turn-over (2,6 milioni di lavoratori nel quinquennio) sarà coperto anche se la crescita economica necessiterà di altri posti di lavoro.

Leggi anche—->Concorsi pubblici, 450mila nuovi posti di lavoro in arrivo

3 milioni di posti di lavoro: i settori che “tirano” di più

I settori più promettenti sono quello medico-sanitario e quello economico-giuridico e in ogni caso i posti di lavoro saranno appannaggio per il 62% di laureati e diplomati.

Nuove economie che attireranno molto lavoro sono soprattutto quella digitale, quella green.

Infatti, si prevede che la “digital transformation” porterà a ricercare tra i 275mila e i 325mila lavoratori con specifiche competenze matematiche e informatiche, digitali e social o relative agli sviluppi nell’utilizzo dell’intelligenza artificiale o dei big data e delle tecnologie 4.0.

Inoltre, sul fronte ecosostenibilità si attendono tra i 519mila e 607mila lavoratori. Infatti, la diffusione di processi produttivi sostenibili per l’ambiente, finalizzati all’ottimizzazione dell’utilizzo di materie prime necessiterà di molta manodopera oltre che di professionisti. Non molto lontana la filiera salute e benessere che occuperà tra le 361mila e 407mila unità, prevalentemente figure di livello medio-alto in campo medico-sanitario e assistenziale.

Infine, un pò indietro la filiera education e cultura che occuperà tra i 140mila e 149mila lavoratori nel prossimo quinquennio.

Infine, si prevedono tra i 68mila e gli 86mila lavoratori nell’ambito della robotica e della meccatronica.

3 milioni di posti di lavoro nei prossimi 5 anni
Robot (foto Pixabay)