Il dj Gianni Maselli
Il dj Gianni Maselli (foto dal web)

Gianni Maselli, storico e noto Dj italiano, è morto nella giornata di ieri all’età di 61 anni a Bologna: a causare la morte un drastico ed improvviso peggioramento delle sue condizioni di salute che già risultavano precarie.

Ha fatto ballare intere generazioni di giovani romagnoli con la sua musica Afro e Funky, Dj Gianni Maselli venuto a mancare nella giornata di ieri a causa di un drastico peggioramento delle sue condizioni di salute già precarie. Numerosi i messaggi di cordoglio pervenuti alla famiglia: in tanti erano legati al pioniere della Disco Music.

Morto Gianni Maselli, il pionieristico Dj Romagnolo: era malato da tempo

Lo storico Dj di musica afro e funky, Gianni Maselli, era malato da tempo, riporta Fanpage, e purtroppo, nella giornata di ieri martedì 26 novembre, è venuto a mancare all’effetto dei propri cari. La notizia ha immediatamente fatto il giro del web dove in molti hanno espresso il proprio cordoglio alla famiglia per la perdita: in tantissimi avevano ballato sulla riviera Romagnola grazie alla sua musica, intere generazioni hanno atteso l’alba con Maselli alla consolle. Per chi lo conosceva, apprendere la tragica notizia della prematura dipartita, è stato un duro colpo. Gianni Maselli non ha mai abbandonato il lavoro, continuando a suonare fino agli anni 2000.

I suoi erano i luoghi delle movida, riporta Fanpage, come il Cocoricò di Riccione, il Baccara di Lugo, il Cap Creus di Imola e lo Xenos di Marina di Ravenna e dove era riuscito ad inserire una novità per gli anni ‘70: la musica afro e funky in discoteca. Numerosi i messaggi di elogio per il Dj sui social: “lo ricorderemo sempre con il sorriso e molto disponibile con tutti. Un vero professionista – riporta Fanpageche amava fare il suo lavoro e stare in mezzo alla gente“. Grazie al suo pionierismo, due anni fa aveva ricevuto il premio al Mei, Meeting delle Etichette Indipendenti, come uno dei grandi storici Dj della Riviera Romagnola. I funerali, riporta Fanpage, si terranno dopodomani venerdì 29 novembre, mentre domani sarà aperta la camera ardente allestita per chiunque voglia dargli un ultimo saluto.

Lutto
(foto dal web)

Leggi anche —> Forte scossa di terremoto di magnitudo 6.0 in mattinata