Bunker invisibile sulle mappe a Villa Rey
Bunker villa Rey (foto La Stampa)

Un bunker nazista invisibile sulle mappe a Villa Rey nel torinese: questa l’incredibile scoperta di un ristoratore.

All’interno di Villa Rey un bunker nazista vero e proprio risalente molto probabilmente alla sceonda guerra mondiale.

Il rifugio si trova verso la collina di Torino salendo da piazza Hermada e dopo aver imboccato Viale San Martino Superiore, nei pressi di Villa Rey.

Il bunker non è -ufficialmente- noto ad alcuno non trovandosi su alcuna vecchia guida nè su libri storici locali e non.

Eppure parrebbe essere sempre stato visibile e accessibile in quanto si trova all’interno dell’ex camping Villa Rey, il primo ad essere aperto in Italia nel 1953, dismesso da alcuni anni e ora in stato di totale abbandono.

Leggi anche —–>Adolf Hitler, scambio d’identità per la vettura del Fuhrer

Il bunker nazista è invisibile sulle mappe

Il bunker di Villa Rey non si trova su alcuna mappa nemmeno cercando tra i rifugi collinari torinesi censiti.

I rifugi certificati sono quelli sotto il Monte dei Cappuccini, in corso Alberto Picco angolo strada Alle Sei Ville e all’imboccatura del Parco Leopardi. Nessuna traccia dunque del bunker di Villa Rey. Sembrerebbe quindi che si tratti di una vera e propria “scoperta”.

Se è tale la dobbiamo a un giovane ristoratore, appassionato di storia, che abita in zona.

E’ lui che, mentre passeggiava per il parco, ha trovato il cancello della villa aperto e si è avventurato per una via di accesso ai locali segreti. La passeggiata è valsa una scoperta pazzesca: prima una casamatta, la fortezza a prova di bomba munita di fori per le bocche di fuoco, e poi una garitta.

Il ristoratore ha quindi scoperto un rifugio di circa 500 mq, dotato di un impianto antiaereo e che va in profondità fino a 20 metri sotto terra.

Il rifugio era dotato di 4 ingressi, di cui tre murati. Soltanto uno è accessibile: quello posto in cima alla collinetta artificiale dove c’è la casamatta. Da lì la vista è startegica oltre che impagabile: si può mirare tutta Torino fino all’imbocco della Val di Susa.

 

Bunker nazista invisibile sulle mappe
Bunker abbandonati (foto Pixabay)