Un uomo su quattro dà colpa della violenza all'abbigliamento
Donna che indossa minigonna e cammina sola (foto Pixabay)

“Per un italiano su quattro la violenza sessuale è addebitabile al modo di vestire delle donne”. Questo è quanto emerso dallo shockante report dell’Istat sui ruoli di genere.

Secondo uno shockante report dell’Istat in Italia un uomo su quattro ritiene che la violenza sessuale sia causata dall’abbigliamento della donna.

Il report è stato diffuso ieri, 25 novembre, giornata contro la violenza sulle donne e mette sconcerto.

Non solo. Il 39,3 per cento degli italiani ritiene che sia possibile sottrarsi ad un rapporto sessuale nel caso in cui non sia davvero voluto. Il 15 per cento inoltre pensa che una donna che subisce violenza sessuale quando è ubriaca o sotto l’effetto di droghe sia almeno in parte responsabile.

I dati che emergono rendono un’immagine della donna che pensavamo in buona parte esaurita: la provocatrice se non la peccatrice che ha sempre in qualche modo (abbigliamento, comportamenti) la colpa della violenza che subisce.

Per il 10,3% della popolazione spesso le accuse di violenza sessuale sono false (lo pensa il 12,7% degli uomini e il 7,9% delle donne).

Inoltre, per il 7,2% degli italiani “di fronte a una proposta sessuale le donne spesso dicono no ma in realtà intendono sì” e per il 6,2% le donne serie non vengono violentate.

Fortunatamente soltanto l’1,9% ritiene che se un uomo obbliga la propria moglie/compagna ad avere un rapporto sessuale contro la sua volontà non si tratta di violenza.

Leggi anche —->Violenza domestica, figlia salva la madre: incredibile chiamata alla polizia

Persino gli schiaffi sono accettabili

Il 7,4 per cento degli intervistati ritiene accettabile sempre o in alcune circostanze che “un ragazzo schiaffeggi la sua fidanzata perché ha civettato/flirtato con un altro uomo”; il 6,2% ammette che in una coppia ogni tanto possano “volare” gli schiaffi.

Il 17,7% ritiene accettabile sempre o in alcune circostanze che un uomo controlli abitualmente il cellulare e/o l’attività sui social network della propria moglie/compagna.

Allarmanti anche i dati sui ruoli: per il 32 per cento degli intervistati “per l’uomo, più che per la donna, è molto importante avere successo nel lavoro” ; per il 31,5 per cento “gli uomini sono meno adatti a occuparsi delle faccende domestiche” , per il 27,9 per cento “è l’uomo a dover provvedere alle necessità economiche della famiglia”.

Per 1 italiano su 4 la violenza è colpa dell'abbigliamento delle donne
Violenza contro le donne (foto Pixabay)