Superbike, Alex Lowes spiega le differenze tra Kawasaki e Yamaha

Alex Lowes
Alex Lowes (foto Instagram)

Superbike, Alex Lowes spiega le differenze tra Kawasaki e Yamaha.

Alex Lowes ad Aragon ha avuto il primo vero contatto con la Kawasaki ZX-10RR e questa settimana la riproverà nell’ultimo test Superbike 2019 a Jerez. Il pilota britannico vuole percorrere più chilometri possibile per migliorare il feeling e riuscire ad essere competitivo.

È approdato nel team di Jonathan Rea, cinque volte campione del mondo SBK, e dovrà essere all’altezza. L’ultima stagione in Yamaha ha evidenziato dei miglioramenti da parte sua, soprattutto in quanto a costanza. Nel 2020 sarà atteso ad un ulteriore salto di qualità, anche perché ha 29 anni ed è ora di dimostrare di fare l’ultimo step.

Superbike | Lowes e la nuova sfida Kawasaki

La Kawasaki ZX10-RR è una moto sicuramente diversa rispetto alla Yamaha YZF-R1 che ha guidato negli ultimi campionati WorldSBK. Lowes in un’intervista concessa a Speedweek ha spiegato le differenze e come procede il suo adattamento: «La Kawasaki si sposa bene con il mio stile di guida naturale. È stato più facile del previsto, nei primi due giorni di test ho fatto molti passi avanti. Con questa moto puoi guidare in modo maggiormente aggressivo, cosa non possibile con la Yamaha soprattutto sulla distanza di gara. La moto sembra già mia. Il team è fantastico, ha tanta esperienza e mi aiutano a diventare un pilota migliore. Voglio fare uno step avanti l’anno prossimo».

Il fratello gemello di Sam Lowes, pilota Moto2, è entusiasta del feeling avuto con la moto prodotta ad Akashi. Riesce a guidarla in maniera naturale, senza dover effettuare troppi accorgimenti. La squadra viene da tanti successi, ha accumulato enorme esperienza e certamente lo sta supportando in modo efficace.

Alex ha proseguito nel parlare delle differenze che ci sono tra la Kawasaki e la Yamaha nella guida: «Tutti sono subito veloci quando salgono sulla Yamaha, ma poi arrivi a un punto in cui non puoi continuare. La Kawasaki è più stabile in ingresso di curva e funziona anche se scegli linee diverse, ciò mi permette di essere maggiormente aggressivo. Ti dà grande feeling all’anteriore e fiducia in generale, mentre la Yamaha si muove molto di più. Motore? La Ninja ha un’erogazione lineare in uscita e ti dà fiducia. Quale abbia più potenza è complicato da dire».

Tra Lowes e Rea il rapporto è buono, però l’ex il 29enne originario di Lincoln ammette che ritiene il cinque volte campione del mondo Superbike il suo primo rivale: «Il tuo primo avversario è sempre il tuo compagno di squadra. Avevo delle riserve sulla squadra perché lavoravo con Crescent da così tanto tempo. Ma era il momento giusto per ricominciare da capo». L’inglese a Jerez avrà modo di provare ad avvicinarsi al nuovo teammate, punto di riferimento per lui e per tutti i colleghi SBK.

Alex Lowes Superbike
Alex Lowes sulla Yamaha R1 Superbike (©Getty Images)