Hamilton ricorda l’amico scomparso: “Mi manca molto”

 

Lewis Hamilton (Getty Images)
Lewis Hamilton (Getty Images)

F1| Hamilton ricorda l’amico scomparso: “Mi manca molto”

Con il sesto titolo piloti ormai in tasca e una stagione 2019 in dirittura d’arrivo, Lewis Hamilton è tornato a parlare di uno dei momenti più delicati della sua vita da pilota e non solo. Quello vissuto con la scomparsa di Niki Lauda, ovvero di colui che lo aveva voluto in Mercedes e che nei suoi anni a Stoccarda gli è stato vicino come un mentore.

In particolare il britannico si è soffermato su una visita che fece all’austriaco proprio prima della sua morte.

Ero andato a trovarlo poco prima che se ne andasse. E’ stata molto dura“, ha confidato Ham secondo quanto riportato da F1i.com. “Ci inviavamo dei video. Aveva toccato il fondo, ma poi si era ripreso. Anche se era su una sedia a rotelle, avevo buone speranze. Invece, ha ripreso a peggiorare“.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

E’ uno shock vedere un amico bloccato in un letto. Ci ero già passato prima avendo perso una zia di tumore, ma fa sempre effetto. Il suo spirito combattivo si stava affievolendo, il che è naturale al termine di una lunga battaglia. Ne sono rimasto sconvolto“, ha aggiunto il 34enne ricordando quanto accaduto lo scorso maggio.

Mi manca parlare con lui, mi mancano i suoi messaggi e i filmati che condividevamo. Li conservo sempre e a volte li riguardo“, la sua riflessione declinabile universalmente e dunque valida per chiunque abbia perso qualcuno di caro. “Senza il suo sostegno probabilmente non avrei cambiato squadra e sono sicuro che senza il suo contribuito il team non avrebbe ottenuto tanto successo“, ha concluso il driver di Stevenage ricordando quello che a fine 2012 era sembrato a molti un salto nel vuoto, anche un po’ azzardato, visto che dalla vincente McLaren aveva deciso di accettare l’invito delle Frecce d’Argento, allora tutt’altro che dominatrici.

(©Getty Images)

Chiara Rainis