Anche Alex Zanardi critica Sebastian Vettel: “Vi dico io cosa gli manca”

0
10642
Alex Zanardi nel paddock del Fuji per la Dream Race (Foto Bmw)
Alex Zanardi nel paddock del Fuji per la Dream Race (Foto Bmw)

F1 | Anche Alex Zanardi critica Sebastian Vettel: “Vi dico io cosa gli manca”

A Sebastian Vettel manca il senso della misura. L’ultima, ma solo in ordine di tempo, delle critiche piovute in questa stagione sul pilota della Ferrari arriva da Alex Zanardi, leggenda dell’automobilismo e plurimedagliato paralimpico. In occasione della sua partecipazione alla Dream Race che ha messo una contro l’altra le vetture del campionato turismo tedesco Dtm e della serie giapponese del Super Gt, sul circuito nipponico del Fuji, il bolognese ha offerto i suoi giudizi sul Mondiale 2019 di Formula 1 che si appresta alla conclusione.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Zanardi spende parole di elogio, non solo a livello di guida ma anche a livello umano, per Lewis Hamilton, del quale rivela di essere tifoso: “La stagione 2019 non è stata per nulla noiosa, nel 2020 vedo una lotta aperta, non diamo per scontato un altro successo di Hamilton”, ha dichiarato alla Gazzetta dello Sport. “Stimo Lewis e faccio il tifo per lui, la sua grandezza sta anche nella forza mentale e nel saper chiedere scusa quando sbaglia, come in Brasile con Albon, è un signore e un ragazzo misurato”.

Dei due portacolori della Ferrari, invece, Alex preferisce nettamente Leclerc a Vettel, del quale sottolinea il limite più evidente: “Da questo punto di vista Leclerc gli assomiglia, mentre Vettel nonostante l’età non ha la dote della misura”. Insomma, anche il pilota di Castel Maggiore si unisce al coro degli scettici nei confronti del quattro volte iridato, autore in effetti di una serie di errori marchiani nel corso delle ultime stagioni, l’ultimo dei quali ha provocato il contatto fratricida con il suo compagno di squadra nel Gran Premio del Brasile.

Anche Piero Ferrari punge Vettel

In questo senso, a voler essere maligni, si può leggere anche una frase dell’intervista concessa da Piero Ferrari, vicepresidente del Cavallino rampante e figlio del fondatore Enzo, ai microfoni di Rai Radio 1 durante la trasmissione Extra Time, in cui è stato interrogato sul fatto che oggi in Formula 1 conti di più il pilota o la macchina: “Per vincere devi avere il meglio di entrambi”, ha risposto. “La macchina che dia il 100% dal primo all’ultimo giro. E il pilota che non faccia errori e che sappia utilizzare il 100% della prestazione della macchina”. Ferrari non pronuncia il nome di Vettel, ma forse gli ha inviato comunque una stoccata indiretta.

Sebastian Vettel (Foto Ferrari)
Sebastian Vettel (Foto Ferrari)