Stefan Pierer
getty images

MotoGP, KTM: parole di fuoco su Johann Zarco

Johann Zarco avrebbe dovuto portare la KTM RC16 a un livello più alto quest’anno. Ma la sua dedizione si è rivelata il punto più basso nell’era della MotoGP per Red Bull KTM. Per la casa austriaca il bilancio della stagione MotoGP 2029 è abbastanza positivo. Pol Espargaró è salito all’undicesimo posto nella classifica generale e rispetto all’anno prima ha quasi raddoppiato il punteggio.

Ci sono stati anche progressi nelle qualifiche per la KTM. Johann Zarco è partito dalla terza posizione in griglia a Brno e Pol Espargaró a Misano è partito addirittura dalla seconda. Ma conosciamo anche le battute d’arresto, in particolare le prestazioni deludenti di Johann Zarco. A ciò si aggiunga l’infortunio di Miguel Oliveira alla spalla destra, rimediato in Inghilterra dopo un contatto proprio con Zarco.

Stefan Pierer, CEO del gruppo KTM, non usa mezzi termini: “Zarco è stato un errore”, ha detto a Speedweek.com. Pierer è stato fondamentale nel decidere che Zarco (1,8 milioni di euro di stipendio annuo) venisse messo da parte a Misano per il resto della stagione. Il contratto per il 2020 era già stato annullato in Austria. Oggi la sconsiderata manovra di Zarco contro il collega del marchio Oliveira a Silverstone infastidisce Pierer. “Miguel è stato abbattuto da Zarco. Non è stato un incidente automobilistico… La brusca separazione con Misano è stata la mossa giusta. Nonostante circostanze difficili, ci siamo comportati molto bene facendolo guidare negli ultimi tre Gran Premi su richiesta di Alberto Puig alla LCR”.

Stefan Pierer
getty images