Pol Espargaro “shockato”: con la Ktm va forte quanto Marc Marquez

Pol Espargaro in pista con la Ktm nei test MotoGP di Valencia (Foto Mirco Lazzari gp/Getty Images)
Pol Espargaro in pista con la Ktm nei test MotoGP di Valencia (Foto Mirco Lazzari gp/Getty Images)

MotoGP | Pol Espargaro “shockato”: con la Ktm va forte quanto Marc Marquez

Sono bastati tre giri a Pol Espargarò per rendersi conto del grande potenziale della Ktm in versione 2020. La Casa di Mattighofen è reduce da una stagione di miglioramenti, ma in cui certamente i risultati non si sono rivelati all’altezza delle aspettative, né dei copiosi investimenti sul progetto MotoGP.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Ma il duro dei tecnici austriaci sembra finalmente iniziare a dare i suoi frutti, almeno vedendo quanto è andato forte, nei test dopo-gara di Valencia, il prototipo progettato in vista della prossima stagione. Nel corso dei due giorni di prove sono stati ben due i diversi telai sperimentati sul circuito, e in particolare il secondo, sceso in pista al mercoledì, lascia presagire una crescita di competitività notevole.

Appena al terzo passaggio con questa inedita configurazione, infatti, Espargarò ha staccato un tempo a pochi centesimi da quello di Marc Marquez, in quel momento leader della classifica provvisoria. “Sono rimasto scioccato”, afferma lui stesso, “sorpreso dalla velocità. Ero secondo con lo stesso tempo di Marquez”.

Ktm beneficia del lavoro di Pedrosa

Nel prosieguo della giornata, poi, il pilota spagnolo non ha più migliorato il suo tempo, chiudendo ottavo, ma ciò non toglie nulla alle ottime sensazioni provate in moto: “Di sicuro avevamo anche un passo migliore. Riuscivo a tenere un ottimo ritmo, sull’1:31 basso anche con gomme usate, che non riuscivo a raggiungere nel weekend di gara. Siamo migliorati in curva, in trazione e anche in stabilità”.

A giocare un ruolo importante in questo salto in avanti è stato sicuramente anche il contributo dell’esperto collaudatore Dani Pedrosa: “Lui ha il ruolo di sviluppare le componenti più importanti prima che scendano in pista”, spiega Pol. “E, quando le proviamo, effettivamente risultano migliori. Dani fa di sicuro una grossa differenza in fabbrica: ha cambiato il modo in cui lavoriamo, evitando di portare le novità direttamente al weekend di gara. Lui le prova prima e, quando ce le porta, funzionano già”. Segno che anche la Ktm potrebbe presto iniziare a lottare con i migliori della MotoGP.

La Ktm di Pol Espargaro in pista nei test di Valencia (Foto MotoGP)
La Ktm di Pol Espargaro in pista nei test di Valencia (Foto MotoGP)