Carabinieri hiv messina
Carabinieri (foto dal web)

Un uomo di 40 anni è stato arrestato dai carabinieri a Colico (Lecco) con l’accusa di aver organizzato uno stupro di gruppo ai danni della moglie e di aver picchiato il figlio di pochi anni.

Una terribile vicenda arriva da Colico, un piccolo comune in provincia di Lecco, dove un uomo di 40 anni è stato arrestato e trasferito in carcere con accuse gravissime. Secondo gli inquirenti, il 40enne avrebbe organizzato uno stupro di gruppo ai danni della moglie, dalla quale si stava separando. Inoltre l’uomo sarebbe anche accusato di maltrattamenti ai danni del piccolo figlio. A denunciare l’accaduto sarebbe stata la stessa moglie che si è rivolta alle forze dell’ordine raccontando quanto subito.

Leggi anche —> Madre scomparsa, Chi l’ha Visto? riesce ad intervistarla: i motivi dell’allontanamento

Colico, organizza stupro di gruppo ai danni della moglie: 40enne finisce in manette

Un uomo di 40 anni è stato arrestato dai carabinieri nei giorni scorsi a Colico, in provincia di Lecco, con l’accusa di violenza sessuale di gruppo ai danni della moglie e di aver picchiato il figlio di pochi anni. A denunciare quanto accadeva tra le mura domestiche, come riporta la redazione de Il Giorno, è stata la stessa coniuge del 40enne, una giovane donna straniera dal quale si stava separando, che si è recata dai militari dell’Arma raccontando con minuzia i fatti. Nell’indagine, alla quale stanno lavorando i magistrati della Procura e del Tribunale dei minori di Milano e su cui vige il massimo riserbo, sarebbero finite anche altre persone che avrebbero partecipato allo stupro. L’uomo, per cui è stata emessa un’ordinanza di misura cautelare in carcere dal Giudice per le indagini preliminari, è stato trasferito presso la casa circondariale di Pescarenico, dove, come riporta Il Giorno, è sorvegliato a vista per evitare aggressioni da parte di altri detenuti. Al racconto dettagliato della donna alle forze dell’ordine, come riporta Il Giorno, sembra possano essersi aggiunte delle presunte prove che avrebbero indotto gli inquirenti a chiedere ed ottenere un mandato d’arresto per l’uomo di 40 anni.

Carcere
Carcere (foto dal web)

Leggi anche —> Esplosione nella fabbrica di fuochi d’artificio: sale il tragico bilancio