allarme vaccini
Vaccinazioni (foto Pixabay)

Secondo l’Aifa potrebbe esserci lattice nei contenitori dei vaccini antinfluenzali e così parte l’allarme lattice e contaminazione. Poche ore fa il viceministro alla Salute Pierpaolo Sileri, a margine della tavola rotonda “Rompiamo il silenzio contro l’Hiv” ha chiarito che non ci sarebbe alcun allarme contaminazione dei vaccini antinfluenzali.

Nuovo allarme in ambito sanitario: l’Agenzia italiana del farmaco (Aifa) non ha escluso la presenza di tracce di lattice nei componenti delle siringhe pre-riempite o degli applicatori nasali di 7 vaccini antinfluenzali pronti per la stagione 2019-2020. La circostanza potrebbe costituire un pericolo per i soggetti allergici al lattice e ha inizialmente causato un allarme lattice nei vaccini antinfluenzali. Infatti gli allergici al lattice in caso di presenza della sostanza o anche di sole tracce, sarebbero esposti al rischio di reazioni allergiche. L’invito dell’Agenzia ai soggetti allergici è dunque di consultare il medico prima della somministrazione del vaccino.

Immediato il chiarimento di Aifa: <<L’avviso pubblicato da AIFA riguarda solo il confezionamento dei vaccini antinfluenzali a tutela di coloro che presentano allergie a tale sostanza. Ciò per consentire anche ai soggetti allergici una adeguata vaccinazione informandoli sui prodotti latex-free. Nessuna contaminazione dunque nei vaccini antinfluenzali>>.

Nello stesso senso è intervenuto su Ansa il viceministro alla Salute Pierpaolo Sileri, a margine della tavola rotonda “Rompiamo il silenzio contro l’Hiv”: «Non c’è alcuna contaminazione e alcun pericolo nei vaccini antinfluenzali». Infatti, come da nota dell’Aifa il dato interessa solo i soggetti allergici e non tutta la popolazione, posto che non vi è alcuna contaminazione.

Leggi anche ——>abuso di antibiotici uccide più degli incidenti stradali

Allarme lattice nei vaccini rientrato: nessun reale pericolo per i non allergici. I vaccini nel dettaglio

Escluso dunque un pericolo per chi decidesse di vaccinarsi, si precisa che l’Aifa ha in ogni caso richiesto di certificare la presenza o meno di lattice nelle componenti dei confezionamenti primari, contattando tutte le Aziende interessate.

Dalla verifica effettuata da Aifa è emerso che non è esclusa la presenza di lattice in 7 vaccini. Si tratta dell’azienda Mylan IRE HEALTHCARE LIMITED con il vaccino ‘Influvac S tetrà per il quale l’Aifa specifica, come notizia Il Messaggero, che «non contiene lattice» ma «non si può escludere la possibilità che, durante il processo produttivo, il vaccino sia venuto a contatto con strumenti che contengono lattice»; l’azienda Mylan Italia S.r.l. con il vaccino ‘Influvac S*’; l’azienda Seqirus srl con i vaccini Agrippal S1, Fluad, Influpozzi subunità, Innoflu*, Flucelvax tetra. In relazione a tali vaccini «non si può escludere che i cappucci copri ago e i cappucci protettivi delle siringhe non contengano lattice».

vaccini lattine
Orsacchiotto e siringa (foto Pixabay)