Valentino Rossi: “Yamaha, non ti nascondere dietro Quartararo”

Valentino Rossi (Getty Images)
Valentino Rossi (Getty Images)

MotoGP | Valentino Rossi: “Yamaha non ti nascondere dietro Quartararo”

Valentino Rossi ha chiuso il Mondiale non in maniera brillante. Il rider di Tavullia, infatti, ha finito all’8° posto a 20 secondi dal vincitore Marquez. Yamaha grigia a metà quest’oggi con il team ufficiale che ha sofferto tantissimo, mentre quello clienti ha fatto una grande prestazione. Se Quartararo ha chiuso 2°, Morbidelli prima della caduta era anche lui davanti alle due M1 factory.

Come riportato da “Motorsport.com”, Valentino Rossi ha così dichiarato: “Ho sempre lo stesso problema, ho poco grip al posteriore ed è stata una gara complicata e non riuscivo ad essere abbastanza veloce. Poi dopo l’inizio gara perdo ancora più grip al posteriore e quindi la situazione peggiora”.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Rossi: “Dobbiamo cercare di lavorare meglio nel weekend”

Il Dottore ha poi proseguito: “Ieri ho fatto ben 20 giri di fila e al 18° facevo ancora 1:31.7. Oggi, invece, dopo 13 giri giravo un secondo più lento ed ero tanto in difficoltà. Non sappiamo perché ma vanno così le cose. Oggi le condizioni climatiche erano al limite per una gara di moto, ma non credo abbia avuto un peso perché nel warm-up faceva ancora più freddo e nonostante ciò avevo un buon passo”.

Infine Valentino Rossi ha così concluso: “Credo che sia meglio chiudere la stagione a Sepang che qui, perché arriviamo qui che è inverno. Nella seconda parte di stagione abbiamo sofferto tanto a livello di grip. Questa è stata una stagione tosta, ma abbiamo fatto tanti cambiamenti in Yamaha e nel nostro team. Io credo che la Yamaha non farà l’errore del passato di nascondersi dietro ai risultati di Quartararo. Sanno che abbiamo dei problemi e che vogliamo ritornare a lottare per il Mondiale. Credo però che sia stato positivo avere Fabio così forte. Dobbiamo cercare di lavorare meglio durante il weekend. Io credo che il nostro potenziale sia meglio di così”.

Antonio Russo