prevenzione diabete
Vellutata di zucca in barattolo (foto Pixabay)

La dieta per prevenire il diabete è mediterranea ed è alla portata di tutti: si basa sul consumo degli ortaggi e dei legumi nostrani. La Società italiana di diabetologia (Sid), in occasione della giornata mondiale del diabete celebrata il 14 novembre, ha invitato tutti a un consumo più consapevole degli alimenti e dei piatti della nostra tradizione, in quanto utili per prevenire il diabete.

La Società italiana di diabetologia (Sid), in occasione della Giornata mondiale del diabete, che si è celebrata ieri, propone ricette per prevenire il diabete che provengono da tutta la penisola.

Lo spiega il presidente eletto Sid, Agostino Consoli, su Il Messaggero  «L’idea alla base di questa iniziativa è quella di raccogliere delle ricette regionali che insegnino a confezionare cibi sani, ma al tempo stesso buoni. Perché l’aforisma se è buono fa male è una oldfake news».
Cioè è una notizia falsa e anche vecchia. Ci sono infatti pietanze molto appetitose della nostra tradizione mediterranea, molto utili nella prevenzione del diabete. Ad esempio i preziosissimi fagioli (davvero tante le varietà  che ritroviamo nella minestra di fagioli e cavolo alla fiorentina, oppure nella zuppa di zucca alla milanese.
I video con le ricette, secondo quanto affermato dal presidente di Sid Francesco Purrello, li stanno mettendo a punto proprio per superare questo vecchio pregiudizio e avvicinare le persone, anche le più ostinatamente legate alla propria tradizione regionale, a una dieta  per prevenire il diabete: «stiamo mettendo a punto delle vere e proprie video-ricette con l’aiuto di chef stellati, da proporre al grande pubblico sui social per dare la massima diffusione a questo piacevole messaggio di prevenzione».
I principi generali attorno ai quali ruota la dieta per prevenire il diabete sono quelli della dieta mediterranea: molte fibre derivanti da cereali non raffinati, frutta fresca, ortaggi di stagione, pochi grassi animali, legumi.
Persino un consumo moderato di alcool è tollerato: 10 g/die per l’uomo e 20 g/die per la donna.

Leggi anche———–> Dieta della zucca: perdi peso, ti depuri e ti proteggi dal rischio cancro

Le nuove diete non sono sicure. Quella mediterranea è antica e previene il diabete.

Giorgio Sesti, presidente della Fondazione Diabete e Ricerca mette in guardia dalle nuove diete che non siano quella mediterranea:<<Le evidenze scientifiche disponibili non consentono di valutare gli effetti a lungo termine delle diete vegetariana, vegana, chetogenica e paleolitica sul diabete tipo 2 e le sue complicanze. Viceversa la Dieta mediterranea, basata sull’introito di alimenti ricchi di fibre, provenienti da ortaggi, frutta e cereali non raffinati e povera di grassi di origine animale, è stata ampiamente studiata dimostrando i suoi benefici sia sul controllo del diabete sia sul rischio cardiovascolare».

Potrebbero riservare brutte sorprese che invece non sono connesse alla dieta mediterranea che invece è certo riduca l’incidenza di diabete del 52% rispetto alle diete povere di grassi.

prevenzione diabete

Fagioli (foto Pixabay)