Bottas rivela: “Ho un piano segreto per battere Hamilton”

0
56
Valtteri Bottas (©Getty Images)

F1 | Bottas rivela: “Ho un piano segreto per battere Hamilton”

Ha preferito non entrare troppo nei dettagli, ma dal paddock di Interlagos Valtteri Bottas ha dichiarato di avere già pronto un piano di assalto al prossimo mondiale. In soldoni, il finlandese avrebbe individuato un modo per sconfiggere Lewis Hamilton.

A quanto pare, a differenza di ciò che fece nel 2016 Rosberg quando con l’inglese ingaggiò una vera e propria guerra di nervi che andava ben oltre le battaglie in circuito, il driver di Nastola, secondo della generale piloti con quattro GP vinti, avrebbe programmato di trovare un modo, pulito e senza colpire nella psicologia, per mettere in difficoltà il compagno.

Io non sono Nico e poi ogni pilota ha il suo modo di affrontare le corse.  Sicuramente sto studiando come arrivare al mio obiettivo che è vincere il titolo“, ha affermato stizzito ma fermo nei suoi intenti. “Purtroppo non basta battere il mio team mate. Ci sono anche tutti gli altri piloti. Per quanto mi riguarda ho sempre preferito parlare in pista“.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

“D’ora in avanti dovrò essere in grado di mantenere la mia performance il più a lungo possibile, senza commettere errori. Solo così avrò benefici”, ha proseguito il 30enne, consapevole che la costanza fa molto sull’esito finale di un campionato. “Se cominciassi a sprecare la mia energia in altro, potrei distogliere la mente dalla guida“.

In attesa di vederlo in versione Terminator, il #77 ha rilanciato: “Ho un piano per il prossimo anno, ma adesso non sono disposto a condividerlo, quindi lo scoprirete al momento opportuno”.

Infine, pur non essendo riuscito a centrare il target di partenza, il buon Valtteri si è comunque definito soddisfatto del suo 2019.

Complessivamente è stato il mio migliore anno in F1, però non sono ancora arrivato dove desidero, di conseguenza lavorerò sulle mie debolezze“, la sua valutazione conclusiva.

Chiara Rainis