tentato omicidio marito
Un’auto della Polizia (foto Il Messaggero)

A Ostia Levante lunedì scorso una donna ha rischiato di morire per mano del marito che ha tentato di uccidere la donna gettandola dal terzo piano di una palazzina e si é salvata grazie alla presenza del tendone di un locale sottostante.
La tragedia sfiorata della morte e quella avverata del tentato omicidio da parte di un uomo che ha tentato di mettere fine alla vita della moglie e che ora è detenuto a Regina Coeli sembra tristemente la trama di un film rocambolesco.
L’apparente movente sarebbe la gelosia del marito quarantaquattrenne che avrebbe portato l’uomo a tentare di uccidere la moglie, salva grazie a un tendone sottostante per pura fortuna. Il tendone, posto a dieci metri di distanza, fortunatamente ha evitato alla donna di far parte della lunga lista di donne vittime di violenza da parte dei compagni o dei mariti.
La donna è quindi viva anche se riporta contusioni, la fattura del setto nasale e una probabile rottura della milza. E’ viva anche se il marito ha tentato di ucciderla lanciandola dal terzo piano e anche se é atterrata sul tendone di un locale 10 metri sotto riportando importanti conseguenze.
I soccorsi dell’Ares 118 sono sopraggiunti pochi minuti dopo con il codice rosso quando sono stati chiamati dalla vicina di casa.

Si scaglia contro la moglie: giovane madre di 23 anni in condizioni gravissime

La moglie salva grazie a un tendone si era da poco recata all’Ospedale per contusioni.

È solo grazie alla vicina di casa, che ha visto la donna contusa subito dopo la caduta sul tendone, che sono intervenuti prontamente i soccorsi e anche le forze dell’ordine che hanno condotto in commissariato il quarantaquattrenne che si era recato nel cortile dopo il gesto criminale. Il quarantaquattrenne é ora detenuto a Regina Coeli, in attesa della convalida dell’arresto.
Inquietante la scoperta degli investigatori secondo la quale la moglie, salva grazie a un tendone, si era da poco recata all’Ospedale per contusioni.