Richiamo carne supermercati | alimento contaminato | “Non mangiatelo” FOTO

0
931
Richiamo carne supermercati
Richiamo carne supermercati FOTO tuttomotoriweb

Altro richiamo carne supermercati su diretta disposizione del Ministero della Salute. Riscontrate tracce di sostanze potenzialmente pericolose.

Urgente richiamo carne supermercati. Il Ministero della Salute ha inoltrato una circolare nella quale si informa della possibilità di incorrere in eventuali rischi per la salute dei consumatori. Sotto oggetto di analisi è la Polpa di Cervo di produzione iberica, come si può evincere dal nome dell’azienda ‘Manuel Salado Rios’. Tale prodotto è realizzato a Las Navas de la Conception, in Spagna, e da quanto riportato dalla nota del Ministero della Salute, è commercializzato in Italia da Silca S.p.a. L’avviso del Ministero è comparso sull’apposito spazio riservato nel sito web ufficiale dell’Ente. In tale spazio sono riportati con aggiornamenti continui ed immediati gli avvisi riguardo a prodotti ritirati dal commercio per le più svariate problematiche. Il richiamo carne dai supermercati riguarda per questo alimento specifico il lotto di produzione numero 7483. La data di scadenza o termine minimo di conservazione riporta come data 11/2020. Ogni confezione è commercializzata in unità da un chilo ciascuna di peso.

LEGGI ANCHE –> Carne contaminata dall’Austria richiamata | rischi concreti per chi la mangia

Richiamo carne supermercati, i dettagli

Il motivo del ritiro di questa carne da tutti i supermercati in cui era messa in vendita risiede nella riscontrata presenza di piombo al suo interno. L’accorgimento del Ministero recita: “Il prodotto non può essere impiegato, preghiamo quindi il consumatore di riportarlo al punto vendita”. Per tutti coloro che dovessero avere questo tipo di carne in casa, l’invito è di non consumarlo nella maniera più assoluta. Sarà possibile ottenere un rimborso recandosi presso il punto dove lo stesso è stato acquistato. Munendosi di regolare scontrino, si avrà diritto al rimborso dell’intera cifra spesa oppure alla possibilità di un cambio con qualcosa di analogo. A volte comunque lo scontrino non è richiesto, specialmente in casi come questo. Meglio però esserne muniti, contro qualunque imprevisto.

LEGGI ANCHE –> Ritirato lotto di carne: la nota del Ministero della Salute