Rapporti non protetti nonostante l’Hiv, arrestato uomo nel Riminese

0
166
rapporti non protetti
FOTO: tuttomotoriweb.com

Rapporti non protetti volontariamente nonostante l’hiv: arrestato l’uomo responsabile nel riminese. Ecco come adescava le vittime.

E’ stato arrestato nel riminese un uomo che avrebbe avuto rapporti non protetti, nonostante l’Hiv, con almeno quattro donne contagiandone almeno una volontariamente.

Leggi anche—>“Faccio un giro in bici”, trovato morto: la tragedia

Arrestato uomo che aveva rapporti non protetti volontoriamente nonostante il virus Hiv

Dopo un’accurata indagine partita la scorsa estate dalla segnalazione della convivente, le autorità investigative hanno arrestato un uomo di 39 anni, di origini brasiliane che avrebbe intrattenuto diverse relazioni sessuali senza alcuna precauzione. L’uomo che, al momento, si trova ai domiliari, avrebbe contagiato almeno una donna.

Le donne che sarerbbero entrate in contatto con l’uomo in questione avendo rapporti intimi non protetti con lui dovranno sottoporsi a tutti i controlli del caso per escludere un eventuale contagio. Oltre alla convivente, almeno altre tre donne potrebbero aver contratto, a loro insaputa, il virus.

Leggi anche—>Terribile incidente stradale, tir contro autobus: morti 12 giovanissimi studenti

Stando alle indagini delle forze dell’ordine, il 29enne brasiliano avrebbe contratto il visur dell’Hiv alcuni anni fa. Nel 2017 aveva deciso d’interrompere la cura farmacologica. Nel 2018 avevo ripreso a curarsi per poi interrompere definitivamente tutte le cure cominciando ad avere rapporti non protetti nonostante il rischio di contagiare altre persone.

Leggi anche—>14 novembre: la situazione del traffico sulle Autostrade italiane

Le indagini dei carabinieri di Rimini sono state coordinate dal sostituto procuratore Paolo Gengarelli. Il gip del Tribunale di Rimini, Manuel Bianchi ha emesso l’ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari. L’uomo era solito adescare le amanti su internet. Esaminando il pic dell’uomo, infatti, le forze dell’ordine hanno scoperto l’esistenza di numerose chat riuscendo così a risalire anche alle effettive frequentazioni. Le donne contattate dagli inquirenti avrebbero confermato di aver avuto rapporti non protetti con l’uomo agli arresti domiciliari.