Valentino Rossi e Silvano Galbusera
Valentino Rossi e Silvano Galbusera (Getty Images)

MotoGP | Silvano Galbusera anticipa il futuro di Valentino Rossi

Domenica sarà l’ultima giornata insieme ai box per Silvano Galbusera e Valentino Rossi. Dal test di martedì prossimo a Valencia il nuovo capotecnico del Dottore sarà lo spagnolo David Munoz, ultima mossa quasi disperata per invertire la rotta e archiviare una stagione sicuramente al di sotto delle aspettative.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

L’arrivo di Fabio Quartararo ha dimostrato tutto il potenziale della M1, ha fatto crollare certi alibi. “Non si può comunque mettere in discussione che, tra virgolette, la nostra moto è un po’ più lenta – ha detto Galbusera in un’intervista a ‘La Gazzetta dello Sport’ – e che Vale ha più problemi con le gomme. Non so se dipende dal modo in cui guida, però le consuma più degli altri”.

Negli ultimi mesi sta provando diverse novità sia tecniche che sullo stile di guida per abituarsi alle gomme Michelin e risolvere l’annoso problema dell’usura al posteriore. L’obiettivo è raggiungere un setting ideale per le qualifiche, perché già partire dalla seconda fila a volte può compromettere la gara. “Non è mai stato il suo cavallo di battaglia, ma a Silverstone ha fatto 2° e anche in altre occasioni non è stato male. Ma in condizioni strane, di sicuro rischi non ne prende. Un giovane ha meno limiti, entra dentro e se poi va, bene, altrimenti…”.

Per Silvano Galbusera resta un po’ di amarezza per la conclusione del rapporto con il campione di Tavullia. Ma all’interno del box serviva un cambiamento radicale, una ventata di nuovo che possa portare nuove motivazioni. Penso che voglia provare qualsiasi cosa per trovare motivazioni, fare qualcosa di diverso. Non conosco chi arriverà, non so come lavorerà, non so nulla. Ma è un modo per cambiare qualcosa, oltre alla moto”.

Un tentativo per ritrovare un buon feeling con la M1 e tentare di prolungare la sua leggendaria carriera in MotoGP anche oltre il 2020. “Penso che Valentino aspetterà la moto nuova prima di decidere. Se sarà un passo avanti e diventerà competitiva, credo che farà il 2020 e 2021, poi non so”.

Leggi anche —> Valentino Rossi: “Non so se mi ritiro, ecco quando ve lo farò sapere”