David Munoz: “Porterò qualcosa di nuovo nel box di Valentino Rossi”

0
6132
David Munoz
David Munoz (Getty Images)

MotoGP | David Munoz: “Porterò qualcosa di nuovo nel box di Valentino Rossi”

David Munoz da martedì sarà il nuovo capotecnico di Valentino Rossi. Nei test invernali daranno il via ad una nuova avventura, anzi. Una scommessa. Perché l’ingegnere spagnolo è chiamato a dettare un cambio di rotta all’interno del box #46, chiamato a sostituire Silvano Galbusera.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Munoz lavora nel paddock dall’età di 18 anni, nel 1997 era gommista e meccanico nel team Pons in classe 500. Come piloti all’epoca c’erano Carlos Checa e Alberto Puig. Tre anni fa la chiamata nel team Sky Racing VR46 per intercessione di Pablo Nieto. Poi la chiamata del campione di Tavullia. “Mi ha cercato lui – ha spiegato a ‘La Gazzetta dello Sport’ -. Mi ha spiegato la situazione attuale, per poi dirmi che voleva cambiare qualcosa nel box. Aveva bisogno di aria fresca, nuove idee”.

Il primo obiettivo da raggiungere è lavorare da subito in ottica qualifiche, diventate fi fondamentale importanza negli ultimi anni. “Credo che il modo di lavorare in questi anni sia cambiato, le prove servono per qualificarsi direttamente in Q2. Prima lavoravi guardando la gara, ora devi essere subito pronto per la qualifica. Proveremo ad andare in quella direzione”.

David Munoz non ha nessuna esperienza in MotoGP, ma non crede sia un limite. I test invernali serviranno soprattutto per capire il funzionamento delle gomme Michelin. Per il resto ha le idee già ben chiare. “A livello tecnico non ho esperienza di MotoGP, ma non credo sia un limite, dovrò soprattutto capire come funzionano le gomme. Per quello che riguarda l’organizzazione del lavoro e la preparazione dei turni di prove penso invece di poter portare qualcosa di nuovo. Questa è per entrambi una bella scommessa – ha concluso Munoz -, faremo di tutto per vincerla”..