(©Thierry Neuville Twitter)

WRC | Il Rally d’Australia è cancellato. I piloti restano per aiutare gli sfollati

Come noto, a causa degli incidenti che stanno devastando la regione del New South Wales, il Rally d’Australia, prova conclusiva del Mondiale 2019, è stato annullato. Ciò nonostante, anziché tornarsene comodamente a casa, alcuni dei protagonisti del campionato si sono fermati e hanno dato una mano alle popolazioni locali colpite da questi eventi traumatici, molti infatti si sono trovati all’improvviso senza casa e privi anche dei bene di prima necessità.

Due delle equipe iridate hanno unito le loro forze e dato il loro contribuito, cedendo ad esempio tutto il loro equipaggiamento, come tute e guanti, o le provviste che avrebbero dovuto servire per il weekend di gara.

In particolare Jari-Matti Latvala con il navigatore Miikka Anttila, Thierry Neuville con Nicolas Gilsoul e Kris Meeke  hanno visitato il comando dei pompieri per conoscere coloro che stanno rischiando la vita per salvare quella di altri.

Sono dei veri eroi“, il commento del driver finlandese della Toyota. “Hanno un grande coraggio ed è stato un onore incontrare alcuni di loro al centro di comando dei vigili del fuoco“.

E’ stato molto bello visitare il comando. Abbiamo incontrato famiglie colpite dal fuoco e ogni squadra ha donato cibo per le comunità locali. Un ringraziamento di cuore va ai vigili del fuoco perché stanno dando tutto”. ha invece affermato il vice-campione in carica della Hyundai.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Dal canto suo la Toyota Motor Corporation ha voluto fare di più, decidendo di donare 250.000 dollari alla Salvation Army Australia così da dare una mano ulteriore e concreta a chi, per le fiamme divampate a partire dalla scorso fine settimana, si è trovato privato di qualsiasi cosa. A darne conferma, lo stesso marchio nipponico con un comunicato ufficiale, poi ripreso dalla Gazoo Racing WRT che compete nel WRC.

“Mio padre fa il pompiere e so quanto sia pericoloso come lavoro.Rispetto massimo per loro”, il messaggio finale del nuovo iridato Ott Tänak.

Chiara Rainis