omicidio viareggio
Polizia Scientifica (Getty Images)

Adolfo Ciammetti, l’uomo di 76 anni scomparso lunedì a Roma, è stato trovato senza vita nella ditta del figlio, il quale avrebbe confessato di averlo ucciso a martellate.

È stato ritrovato senza vita Adolfo Ciammetti, l’uomo di 76 anni scomparso nella serata di lunedì a Roma. A fare la tragica scoperta è stata la figlia della vittima che dopo aver denunciato la scomparsa del 76enne si era recata nell’azienda del fratello Daniele. Arrivata sul posto, la donna ha ritrovato il cadavere del padre riverso in una pozza di sangue ed ha allarmato i soccorsi, ma purtroppo per Ciametti non c’è stato più nulla da fare. Le forze dell’ordine, che hanno immediatamente dato il via alle indagini, hanno rintracciato il figlio del 76enne, Daniele Ciametti, che poco dopo ha ammesso di aver ucciso il padre al culmine di una lite scaturita per questioni legate ai soldi.

Roma, 76enne ucciso a martellate: il figlio confessa agli inquirenti

Avrebbe ucciso il padre a martellate al culmine di una lite legata a questioni economiche. Questo è quanto sarebbe accaduto nella serata di lunedì a Roma in una ditta di infissi, dove è stato ritrovato senza vita ieri, martedì 12 novembre, dalla figlia Adolfo Ciammetti (76 anni). Secondo una prima ricostruzione riportata dalla redazione de Il Corriere della Sera, la figlia della vittima si è recata nella ditta del fratello dopo aver denunciato la scomparsa del padre ed una volta arrivata sul posto ha ritrovato quest’ultimo riverso in una pozza di sangue sul pavimento di un capannone. Inutile la corsa dei sanitari del 118 che hanno potuto solo constatare il decesso di Ciammetti. La polizia del commissariato Aurelio, dopo essere intervenuta sul luogo della tragedia, ha rintracciato il figlio della vittima, Daniele Ciammetti di 38 anni, che agli inquirenti avrebbe confessato l’omicidio affermando: “L’ho ucciso io“. Pare, come riporta Il Corriere della Sera, che il delitto sia stato compiuto al culmine di una lite sfociata dopo l’ennesima richiesta di soldi di Daniele al padre che in questa occasione avrebbe rifiutato di prestaglieli. Davanti al rifiuto, Ciametti si è scagliato contro il genitore colpendolo ripetutamente alla testa con un martello. A chiarire con esattezza le cause e l’ora della morte del 76enne saranno ora gli accertamenti che verranno effettuati dal medico legale incaricato. Intanto la polizia, riporta Il Corriere, che sta indagando sull’accaduto ha escluso che il 38enne fosse vittima degli usurai e che le sue difficoltà economiche fossero legate alla malavita.

Leggi anche —> Omicidio Desiree Piovanelli: insulti contro il padre della 14enne