Maltempo Sicilia
(foto dal web)

L’Italia è stretta nella morsa del maltempo: mareggiate, abbondanti precipitazioni e forti raffiche di vento hanno causato ingenti danni in numerose zone della penisola.

Allerta rossa in Calabria, Sicilia e Basilicata, arancione in Puglia e brutte notizie da Venezia dove il livello dell’acqua ha raggiunto un punto record che non toccava dal 1966. Danni a cose e persone registrate su tutta la penisola a causa del maltempo.

Maltempo: danni in tutta la penisola, si registrano due vittime

Calabria, Sicilia e Basilicata, stando a quanto riportato dalla redazione di Tgcom24, sarebbero le regioni maggiormente colpire maltempo. Subito a seguire la Puglia, per la precisione in Salento, dove si sono abbattute trombe d’aria ed onde che hanno superato i 4 metri. Numerosi i centri in cui le scuole rimarranno chiuse a causa delle copiose precipitazioni e del vento. Il maltempo ha mietuto anche due vittime: una senzatetto sarebbe morta per il freddo nei pressi di Crotone, mentre un anziano sarebbe deceduto dopo essere stato colpito da una scarica elettrica a Pellestrina, a Venezia. La critica condizione sulla costiera veneta, riporta la redazione di Tgcom24, avrebbe preoccupato il presidente del Veneto Luca Zaia tanto da indurlo ad attivare l’unità di crisi della Protezione Civile regionale. Non migliore la condizione nelle Isole Eolie dove un “fiume” di pomice si è riversato nelle strade di Lipari. Collegamenti con aliscafi e traghetti interrotti a causa delle forti raffiche di vento che non hanno permesso ai numerosi lavoratori fermi a Milazzo, di raggiungere le Isole.

In Basilicata, nel Metapontino, durante il corso della notte si è abbattuta una violenta tromba d’aria, flagellando la provincia di Matera. Sarebbero, riporta la redazione di Tgcom24, circa 50 gli interventi effettuati dai Vigili del Fuoco, necessari per sgomberare le strade occupate da alberi divelti e materiale di risulta trasportato dal vento. Danni anche ai tetti delle abitazioni. Ad Adelfia, in provincia di Bari, il forte vento ha fatto crollare, riporta Tgcom24 le luminarie montate in occasione della festa patronale.

A Napoli le scuole rimarranno chiuse nella giornata di oggi, come anche i parchi ed i cimiteri. Stando a quanto riferito da Tgcom24, l’amministrazione avrebbe invitato i cittadini a prestare massima attenzione soprattutto in prossimità di alberi o pali della luce che potrebbero sradicarsi a causa del forte vento previsto. A Pozzuoli, sempre in territorio campano, un bus fermo sarebbe stato colpito da un albero caduto il cui autista, riporta Tgcom24 è stato immediatamente trasportato in ospedale per essere sottoposto a visite di controllo. Sul mezzo altri 4 passeggeri rimasti illesi. In Salento drammatica la situazione dove una tromba d’aria e onde alte più di quattro metri avrebbero investito tutta la costa. A Porto Cesareo due barche si sarebbero disancorate dal molo cui erano attraccate. Interrotta la circolazione sulla litoranea Santa Cesarea-Castro.

Leggi anche —> Venezia, acqua alta record: “Stiamo affrontando una marea più che eccezionale”