Charles Leclerc, Ferrari (©Getty Images)

F1 | Ufficiale: in Brasile la Ferrari di Leclerc già in versione 2020!

Lo ha confermato il boss Mattia Binotto questo martedì. In occasione del GP del Brasile in programma il prossimo fine settimana Leclerc monterà un nuovo motore e di conseguenza pagherà una penalità sulla griglia di partenza trattandosi della quarta unità sostituita durante la stagione 2019.

Nulla di particolarmente eclatante sulla carta, non fosse che la power unit che spingerà la SF90 #16 sarà quella che verrà utilizzata sulla prima auto del 2020.

Il round di Interlagos, dunque, sarà un’opportunità per la Ferrari di capire se la direzione intrapresa è quella giusta in termini di performance velocistiche.

“Arriviamo al penultimo appuntamento del campionato dopo la frustrante gara di Austin nella quale non siamo stati in grado di portare a casa il risultato che sentivamo di poter raccogliere“, ha dichiarato il manager italo-svizzero alla vigilia. “Al sabato con Sebastian Vettel abbiamo mancato la settima pole position consecutiva per appena un centesimo, pur dimostrando la nostra competitività. La domenica invece, con Charles non siamo riusciti a tenere il passo previsto almeno fino al secondo stint anche a causa di una PU usata e meno potente, adottata dopo il problema accusato nelle libere 3″.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

A San Paolo ci aspettiamo di tornare ai livelli consueti e di poter lottare con spirito combattivo per finire in crescendo il mondiale“, ha rilanciato convinto il 50enne, che ancora non ha digerito le parole pronunciate da Max Verstappen, a proposito della presunta irregolarità delle vetture del Cavallino, nello specifico per quanto concerne i flussi di carburante.

Sarà importante per scoprire se stiamo facendo progressi con il progetto dell’anno venturo e per provare a portare questo stato di forma nella pausa invernale“, l’augurio finale, anche se a ben vedere i riscontri cronometrici incoraggianti dello scorso febbraio al Montmelo non si sono poi rivelati tanto utili…

Chiara Rainis