Gomme da neve
photo Pixabay

Scatta l’obbligo gomme da neve: su quali strade, quali scegliere e multe

Dal 15 novembre scatta l’obbligo di montare gli pneumatici invernali: nella maggior parte delle strade e delle autostrade, l’obbligo di transito con gomme da neve (o con catene a bordo, se l’auto ne consente il montaggio) va dal 15 novembre al 15 aprile. Ma in alcune zone di montagna, come la Val d’Aosta, l’obbligo è scattato già un mese fa.

L’ente gestore della strada deve comunicare l’obbligo con un’adeguata segnaletica: in autostrada deve comparire prima del tratto interessato e lungo il percorso, mentre nei comuni l’informazione deve essere presente all’ingresso del territorio o lungo le strade dove vige l’ordinanza. Bisogna sottolineare che non sempre le ordinanze dei vari Comuni sono chiare e spesso non compaiono. Ma la multa, in caso di violazione dell’obbligo, è più che certa: da 42 a 173 euro se si violano le disposizioni nei centri urbani (art. 7 del Codice della Strada) e da 87 a 345 euro fuori città (art. 6 del CdS).

Ricordiamo che, per legge, sono considerate gomme da neve tutte quelle che riportano la dicitura M+S (mentre il simbolo con il fiocco di neve all’interno di una montagna con tre picchi, 3PMSF, non è obbligatorio). Le norme consentono di montare i pneumatici da neve anche solo su due ruote motrici, ma una raccomandazione del ministero dei trasporti suggerisce di installarne quattro, per avere un veicolo molto più stabile su tutti i terreni.

Ma gli italiani rispettano questa regola? Secondo l’indagine commissionata da Facile.it a «mUp Research e Norstat», nell’ultimo anno 1,2 milioni di automobilisti hanno guidato senza dotarsi dei dispositivi prescritti dalla legge. “Oltre agli evidenti rischi in termini di sicurezza e alle possibili sanzioni amministrative, girare in auto su strade che prevedono l’obbligo di catene da neve, gomme invernali o quattro stagioni senza esserne dotati, comporta dei rischi anche dal punto di vista assicurativo – spiega Diego Palano, responsabile assicurazioni di Facile.it –. In caso di incidente, qualora il sinistro fosse stato causato o aggravato proprio dall’assenza della strumentazione obbligatoria, la compagnia potrebbe applicare sull’assicurato il diritto di rivalsa e chiedere un rimborso delle somme pagate ai terzi danneggiati”.