Latte materno donato infetto: morti tre bambini e cinque ammalati

0
97
Neonato abbandonato Giovannino
(foto dal web)

Geisinger Medical Center di Danville in Pennsylvania (USA): morti tre bambini e contagiati altri cinque a causa di un’infezione da Pseudomonas generatasi durante la preparazione di latte materno donato.

Una criticità emersa durante la preparazione di latte materno donato, ha portato alla morte di tre neonati ed al contagio di altri cinque presso il Geisinger Medical Center di Danville della Pennsylvania (USA), non molto distante da Harrisburg. A riportare la notizia la Cnn e la redazione di Adnkronos, stando alle informazioni delle quali è emerso che l’infezione è stata causata dal batterio Pseudomonas, che si sviluppa nell’acqua. L’esposizione sarebbe stata causata dal procedimento utilizzato per la preparazione del latte, avrebbe affermato un portavoce della struttura ospedaliera.

Leggi anche —> Morta Elda Lanza: prima presentatrice Rai nonché signora del giallo italiano

Latte materno donato infetto: morti tre bambini e cinque contagiati

Tre bambini sono morti ed altri cinque si sarebbero ammalati a seguito di un’infezione provocata da batterio Pseudomonas il quale ha proliferato all’interno di latte materno donato. Stando a quanto riferito da Edward Hartle, vice presidente esecutivo del Geisinger Medical Center di Danville in Pennsylvania (USA), riferiscono la Cnn e l’Adnkronos, l’esposizione al letale batterio deve essersi verificata nel processo di lavorazione del latte: “Abbiamo concluso che l’esposizione è dovuta al processo che stavamo usando per preparare il latte materno da donatrici“. Nello specifico, l’esposizione sarebbe collegata ad alcune apparecchiature utilizzate per la misurazione del latte materno donato. Dall’ospedale è stato fatto sapere, riporta Adnkronos, che dal 30 settembre è stato modificato il processo ed è iniziato l’utilizzo di strumentazione monouso: da allora non si sarebbero più registrati casi di infezione, scoperti per la prima volta nel mese di luglio. Sulla vicenda, scrive Adnkronos, è stata aperta un’inchiesta. I batteri del genere Pseudomonas sono presenti in ogni parti del mondo, sia nel terreno che nell’acqua: prediligono le zone umide come lavandini, water, vasche idromassaggio e piscine non adeguatamente disinfettate. Nel caso del Geisinger Medical Center deve aver proliferato all’interno delle apparecchiature utilizzate per il trattamento del latte materno, tanto da condurre la struttura ad eliminare il macchinario e ad iniziare ad utilizzare strumentazione monouso. Le infezioni da Pseudomonas aeruginosa variano da infezioni minori fino a patologie gravi e potenzialmente letali soprattutto in soggetti deboli: le piccole vittime infettate dal latte materno contaminato erano, infatti, tutte nate premature, riporta Adnkronos citando l’informazione fornita dalla Cnn.

Leggi anche —> Giovane operaio muore nella casa dove sarebbe andato a vivere con la futura moglie