Seggiolino antiabbandono

Seggiolini antiabbandono: arriva la moratoria per le multe

Sui seggiolini antiabbandono il governo prova a fare un po’ di chiarezza dopo il caos iniziale. Il Pd ha preparato un emendamento al decreto fiscale che fa slittare di 4 mesi le sanzioni per chi non si adegua. E’ in arrivo una moratoria fino al 6 marzo 2020 per chi non installa nell’automobile il meccanismo antiabbandono sui seggiolini per i bambini fino a 4 anni.

Il ministro delle Infrastrutture, Paola De Micheli, aveva già dato disponibilità a una moratoria. Analoga iniziativa era stata annunciata nei giorni scorsi anche dal Movimento 5 Stelle. “Grazie a un nostro emendamento al decreto fiscale – afferma il capogruppo del M5S in commissione Trasporti Emanuele Scagliusi, primo firmatario dell’emendamento al dl fisco – prevediamo che le sanzioni per chi non monta a bordo del veicolo i dispositivi antiabbandono per bambini fino a 4 anni si applicheranno dall’1 giugno 2020. L’obbligo è in vigore dal 7 novembre, ma si rende necessario prevedere un periodo cuscinetto sia per informare adeguatamente l’utenza, anche con apposite campagne e iniziative mirate a raggiungere le famiglie, sia per consentire ai produttori di portare tali dispositivi sul mercato”.

L’emendamento prevede anche “la restituzione della somma indebitamente versata” per chi dovesse nel frattempo incorrere nella sanzione. “La fretta con cui è entrato in vigore l’obbligo del seggiolino — attacca il presidente del Codacons Carlo Rienzi — ha di fatto trovato il mercato e i consumatori del tutto impreparati, al punto che in molte zone del paese tali prodotti sono assolutamente introvabili. La scarsità dell’offerta, a fronte di una domanda crescente a causa dell’obbligatorietà scattata lo scorso 7 novembre, sta portando ad un rapido aumento dei prezzi al dettaglio di tale prodotto, al punto che per un seggiolino si arriva a spendere più di 500 euro”.