Marc Marquez e Alex Marquez
Marc Marquez e Alex Marquez

MotoGP, Marc Marquez: “Rivali poco costanti, noi pochi errori”

Marc Marquez festeggia a Cervera il suo ottavo titolo mondiale. La sua costanza di risultati è stata la chiave per vincere il campionato MotoGP. Ora è il momento di parlare del suo rinnovo e il pilota ha confessato che la sua priorità è continuare con la Honda. “È stato l’anno migliore della mia carriera sportiva, una stagione perfetta. Abbiamo saputo giocare le nostre carte. Sarà difficile ripetere, anche se l’importante è ripetere il titolo mondiale”.

Otto titoli, sei dal suo ingresso in classe regina, con un solo vuoti nel 2015. “Il brutto anno che ho avuto nel 2015 mi ha fatto apprezzare molto di più gli altri. Non si sa mai se questa cifra rimarrà ferma a otto o no”. L’importante è avere i piedi per terra. “Non sono mai andato troppo lontano con la mente né mi sono sentito superiore. Per trionfare devi lavorare duramente i giorni prima della gara. Questa volta i rivali non sono stati così costanti, hanno fallito e noi abbiamo avuto regolarità”.

Nel futuro di Marc Marquez sembra esserci solo la Honda. “La mia priorità è la Honda, sarò sempre grato perché mi hanno dato l’opportunità di competere in MotoGP. Abbiamo già iniziato a parlare. Do molta importanza al problema sportivo, dobbiamo vedere se la moto è competitiva. Ho delle richieste e anche loro ne hanno”. Oggi al suo fianco c’è il fratello minore Alex. “Sono stato più teso con i suoi Mondiali che con i miei perché so cosa ha dovuto passare”. Nessun confronto tra i due fratelli. “È un errore. L’ascesa di Alex in Moto2 è stata un po ‘più lenta della mia, ma ogni pilota ha la sua progressione. Ha 23 anni e ha due titoli. Gli abbiamo sempre detto che per saltare in MotoGP è necessario farlo nel momento giusto e con la moto ideale “.