Robert Kubica, Williams (©Getty Images)

F1 | La voce sul web, una donna al posto di Kubica alla Williams?

Mentre tutti danno per scontato o quasi che il pilota che sostituirà l’anno venturo Robert Kubica nel team di Grove sarà il canadese Nicholas Latifi, promosso più per i dollaroni del ricchissimo papà Michael, che per le qualità mostrare in F2, gli internauti stanno promuovendo un altro nome. Stiamo parlando di Jamie Chadwick, vincitrice con due successi su sei gare disputate, del primo titolo della storia della W Series, la categoria dedicata soltanto alle ragazze lanciata nel 2019.

Chiamata da Claire Williams a ricoprire il ruolo di collaudatrice per la scuderia di F1 grazie anche alle buone prestazioni registrate in passato, la 21enne è stata spesso presente al muretto per seguire da vicino tutti i passi di un weekend di GP della massima espressione dell’automobilismo, e per questo in tanti ora la vorrebbero sul sedile lasciato libero dal polacco.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Credo che il Circus sia ancora molto lontano per me“, ha affermato realista al quotidiano The Guardian. “Sono che mi resta ancora tanto da imparare  prima di poter sperare di ottenere un abitacolo da titolare“, ha proseguito dimenticando che a 22 anni appena compiuti Max Verstappen ha festeggiato i 100 gran premi disputati. “Sui social network parecchie persone mi stanno chiedendo se sarò io la sostituta di Kubica, ma non mi sembra un’opzione fattibile. Devo ancora crescere e maturare. Voglio diventare una pilota completa, così da restare in F1 il più a lungo possibile. In particolare ci tengo ad ottenere il massimo nelle formula minori, piuttosto che arrivare nel Circus a breve senza un vero motivo“.
La britannica, che rispetto a Tatiana Calderon, da tempo legata alla Sauber/Alfa Romeo, o a Susie Wolff, ha almeno raccolto qualche risultato, dovrà attenderò ancora un po’ prima di raccogliere il testimone da Giovanna Amati, ultima donna a tentare in qualificarsi in un GP con la Brabham nel 1992.

Chiara Rainis