alvaro bautista
Alvaro Bautista (Foto WorldSBK)

Alvaro Bautista è tra i tanti piloti presenti alla fiera motociclistica EICMA 2019 in questi giorni, ma ancora non veste i colori Honda. E’ sotto contratto con Ducati e dovrà aspettare per farsi vedere pubblicamente con gli abiti della casa di Tokio.

Intanto, però, lo spagnolo si gode la vicinanza dei tifosi presenti a Milano e si distrae dopo una stagione iniziata alla grande ma poi proseguita con qualche difficoltà: «E’ bello condividere del tempo con i fans, sono felice di incontrarli. C’è bisogno anche di rilassarsi dopo una stagione molto impegnativa».

Superbike 2020, Bautista carico per l’avventura in Honda

Ovviamente per Bautista c’è massima motivazione nell’intraprendere questa nuova esperienza della sua carriera Superbike ed è consapevole del lavoro che lo attende: «Iniziamo un nuovo progetto e abbiamo bisogno di raccogliere dati. Serve percorrere tanti chilometri prima dell’inizio del campionato».

Alvaro è tornato anche a parlare della sua scelta di approdare in Honda, che in questi anni ha faticato in SBK anche se la nuova CBR1000RR-R Fireblade sembra veramente una moto promettente: «Prendere una decisione del genere non è mai facile. Non sai cosa verrà fuori. Ma anche in Ducati tutto era nuovo per me. Molte persone mi hanno parlato come se fossi pazzo dopo la decisione. Ma avevo più informazioni di altri. Man mano che queste informazioni diventavano gradualmente pubbliche, sempre più persone capivano la mia decisione. Vedremo se ho deciso correttamente. Sfortunatamente, non posso dire altro su questo argomento in questo momento».

Honda, per non dare modo alla concorrenza di conoscere la nuova moto, ha deciso di non partecipare ai test Superbike previsti a novembre ad Aragon e Jerez. Bautista e il nuovo compagno Leon Haslam si confronteranno con gli avversari solamente nei due giorni di test a Phillip Island che precedono il primo round del campionato che si disputa proprio in Australia.