squalo tigre
Uno squalo tigre come quello in cui è stata trovata la mano di un turista Fonte Foto Pixabay

Un turista scozzese è scomparso da giorni: la sua mano è stata ritrovata nello stomaco di uno squalo tigre ed è stata identificata grazie alla fede da sua moglie.

La mano di un turista scozzese scomparso è stata scoperta nello stomaco di uno squalo tigre catturato al largo della costa della Reunion, secondo i media locali.

L’uomo, di 44 anni, è scomparso sabato mentre faceva snorkeling al largo dell’isola dell’Oceano Indiano. Sua moglie ha identificato la sua fede nuziale recuperata durante un’autopsia dello squalo, secondo quanto riferito dal canale televisivo locale Réunion La 1ère .

Lo squalo è uno dei cinque catturati a scopo di ricerca nell’Oceano Indiano tra lunedì e martedì. È stato trovato a circa quattro miglia dalla laguna dove la vittima è stata vista l’ultima volta. Non è noto se l’uomo possa essere annegato e successivamente essere stato mangiato dallo squalo o se potrebbe essere stato attaccato da esso.

LEGGI ANCHE >>> Avvistato uno squalo nelle acque italiane: non è il primo caso

Ritrovata la mano di un turista scomparso nello stomaco di uno squalo: non sarebbe l’unico attacco mortale

L’isola della Reunion ha vietato la caccia agli squali a scopo alimentare nel 1999 a causa delle preoccupazioni che la loro carne fosse contaminata dalla ciguatera, una tossina che provoca vomito, nausea e, in rari casi, morte. La gente del posto afferma che questo ha permesso agli squali toro e tigre di impadronirsi delle acque.

L’isola, un dipartimento francese a 600 miglia a est del Madagascar, è una destinazione popolare per il surf, ma la minaccia rappresentata dagli squali ha portato a un divieto parziale di surf e nuoto nell’estate del 2013. Da allora, tali attività sono state consentite solo nelle acque poco profonde delle lagune dell’isola.

La principale minaccia in passato è arrivata dagli squali toro, descritti dai surfisti locali come “macchine da guerra”. Nonostante il rischio, molti surfisti hanno infranto il divieto perché le onde dell’isola sono considerate tra le migliori al mondo.

Finora ci sono stati due attacchi di squali mortali confermati a nelle acque della Reunion nel 2019, secondo quanto riporta il The Guardian. Un pescatore è morto a gennaio dopo che uno squalo lo ha morso a una gamba e un surfista è stato ucciso a maggio.

LEGGI ANCHE >>> Squalo raggiunge la riva in Calabria, è panico tra i bagnanti VIDEO

Teresa Franco