Ranitidina
Ranitidina ritirata dal commercio, i farmaci banditi (foto dal web) 

Una casa farmaceutica ritira dal commercio numerosi farmaci contenenti il principio attivo della ranitidina: i lotti medicinali incriminati

Alcuni lotti di medicinali contenenti ranitidina, un principio attivo, sono stati ritirati dalle farmacie e dalla catena di distribuzione di medicinali. Lo ha comunicato la casa farmaceutica Pensa Pharma S.p.a., che informa di aver seguito l’avvertimento della Food and Drug Administration, negli Stati Uniti, e delle circolari Federfarma (prot. n. 14820/386 del 23 settembre 2019, prot. n. 14843/389 del 23 settembre 2019 e prot, n.14984/392 del 25 settembre 2019) relativamente alla presenza di una sostanza nociva (NDMA, nitrosammine) all’interno dei medicinali incriminati.

I lotti coinvolti, nello specifico, sono RANITIDINA PEN*20CPR RIV 150MG – AIC 035334022 – lotti nn.A170076 scad. 1-2020, A170945 scad. 6-2020, A171187 scad. 8-2020, A171750 scad. 12-2020, RANITIDINA PEN*20CPR RIV 300MG – AIC 035334034 – lotti nn. A170075 scad. 1-2020, A170945 scad. 6-2020 e A171187 scad. 8-2020. Altri lotti sono sotto inchiesta, in attesa dei risultati delle analisi sulle nitrosammine.