Vigili del fuoco morti: il racconto straziante del comandante

A telefonare la moglie di Matteo Gastalo, uno dei tre pompieri morti nella cascina di Quargnento in provincia di Alessandria è stato il comandante provinciale dei Vigili Del Fuoco di Bergamo. Gastaldo aveva 47 anni, residente a Gavi, ed è stato l’ultimo ad essere estratto dalle macerie. La terza vittima dopo Antonino Candido e Marco Triches. “Non dimenticherò mai le lacrime della moglie di Matteo quando le ho detto che suo marito non sarebbe più tornato a casa” ha raccontato, ricordando la telefonata straziante.

Il comandante ha fatto il possibile, ma non c’è stato niente da fare. Dopo il dolore e la paura, in mattinata ha dovuto chiamare la moglie per dirle che il marito aveva tragicamente perso la vita. Sicuramente una delle cose più brutte che un vigile del fuoco è costretto a fare, essendo costantemente in pericolo con le fiamme e le insidie di un lavoro difficile. Sicuramente è stata la telefonata più difficile della vita del comandante. Una vera e propria tragedia che ha fatto tremare l’Italia: sul web tutti hanno espresso la loro solidarietà verso gli uomini che hanno tragicamente perso la loro vita durante una “normale” giornata di lavoro.