Nadia Toffa libro
Nadia Toffa libro FOTO tuttomotoriweb

Nadia Toffa libro, tra le pagine dell’opera postuma c’è un messaggio scritto nell’ultimissimo periodo della sua vita. Un messaggio bellissimo.

A quasi tre mesi dalla morte di Nadia Toffa stanno emergendo piano piano diversi dettagli che la riguardano. In particolare ci sono molti riferimenti al periodo in cui la giornalista bresciana ha dovuto lottare contro il cancro al cervello che alla fine l’ha uccisa. I colleghi de ‘Le Iene’ la ricordano con il suo spirito propositivo e l’allegria che la contraddistingueva durante le riunioni di redazione. Giulio Golia ha detto di lei: “Alzavamo sempre la voce, poi però finiva ogni volta con abbracci e sorrisi. E come mangiava in sala mensa”. Mentre è di qualche giorno fa la notizia data da sua mamma Margherita dell’uscita del secondo libro di Nadia Toffa, scritto tra 2018 e 2019. Ovvero nell’anno e mezzo di strenua lotta contro la malattia. Si intitola ‘Non Fate i Bravi’ e contiene pensieri, idee e riflessioni della compianta 40enne ancora molto amata da tanti. I guadagni delle vendite saranno interamente devoluti in beneficenza.

LEGGI ANCHE –> Nadia Toffa tomba | Fans invadenti assaltano il cimitero di Brescia

Nadia Toffa libro, il bel messaggio tra le sue pagine

Intanto emerge adesso un altro dettaglio che riguarda la Toffa. Se ne parla proprio nel suo libro postumo. In esso è possibile leggere il seguente estratto, come anticipato dal quotidiano ‘La Repubblica’. “Il dolore è una cosa che ci rende più riflessivi e più forti. Non dobbiamo permettergli di vincerci. Lo dobbiamo studiare, girargli intorno. Non arrendetevi mai perché c’è un traguardo da raggiungere. Amo tantissimo la vita, essa è come la vita pomice. Sembra pesante, invece galleggia”. Un messaggio che sintetizza quello che è sempre stato lo spirito di ottimismo e generosità che la Toffa ha mostrato ogni volta sui social, a contatto con i suoi ammiratori e con tutti coloro che le hanno sempre voluto bene.

LEGGI ANCHE –> Claudia Galanti figlia morta | Dissi no alla autopsia e ora ho dei sospetti