Jorge Lorenzo (Getty Images)
Jorge Lorenzo (Getty Images)

MotoGP | Jorge Lorenzo duro: “Marquez vince, ma gli altri piloti Honda non vanno”

Jorge Lorenzo vuole chiudere in bellezza la stagione e provare a cominciare bene il 2020 per tenersi stretta la sella in Honda. Lo spagnolo sinora non ha portato a casa risultati di prestigio, ma vuole provare a vincere la sua scommessa con la HRC magari portando a casa il titolo dedicato ai team.

In occasione dell’EICMA, come riportato da “Speedweek”, il rider iberico ha così dichiarato: “L’obiettivo nel team Honda è la vittoria. Quest’anno è stato molto difficile per un pilota come me. Sono sempre stato abituato a guidare al massimo livello in MotoGP e lottare per la vittoria. La verità è che nella prima stagione Honda non sono mai stato al 100%. Per me è cominciato tutto con la frattura dello scafoide nella pre-season, poi c’è stato l’infortunio di Assen, il più brutto della mia carriera”.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Jorge Lorenzo: “Ora sto meglio”

Jorge Lorenzo ha poi continuato: “Ora mi sento molto meglio. Ad essere sincero mi aspettavo di riprendermi più rapidamente. La verità è che sento piccoli miglioramenti ogni settimana, ma procede molto lentamente. Credo che nei prossimi giorni sarò in grado di allenarmi abbastanza duramente per Valencia. Ho bisogno poi di un po’ di riposo. Un mese, un mese e mezzo senza gare. Così posso riprendermi completamente per il prossimo anno”.

Il #99 ha raccontato del suo primo approccio con la Honda: “Quando ho guidato questa moto per la prima volta ero abbastanza veloce. Avevo buona fiducia. Anche se per Marc è stato un anno incredibile stabilendo il nuovo record di punti e guidando incredibilmente bene i restanti piloti Honda con la moto 2019 hanno avuto un po’ di problemi a trovare fiducia nella parte anteriore”.

Infine Jorge Lorenzo ha così concluso: “Sui rettilinei è bello avere potenza extra, ma in curva abbiamo avuto alcuni problemi che stiamo cercando di risolvere per il prossimo anno”.

Antonio Russo