Lewis Hamilton e Max Verstappen sul podio del Gran Premio degli Stati Uniti 2019 di F1 ad Austin (Foto Charles Coates/Getty Images/Red Bull)
Lewis Hamilton e Max Verstappen sul podio del Gran Premio degli Stati Uniti 2019 di F1 ad Austin (Foto Charles Coates/Getty Images/Red Bull)

F1 | Tra Hamilton e Verstappen, dopo la guerra, ora scoppia la pace

Un metaforico armistizio: Max Verstappen e Lewis Hamilton si sarebbero accordati per interrompere la loro guerra medatica, fatta di dichiarazioni al vetriolo scambiate sugli organi di stampa nel corso delle ultime settimane. Prima l’olandese aveva attaccato l’anglo-caraibico ridicolizzando il suo impegno ecologista, poi il pilota della Mercedes aveva risposto a quello della Red Bull accusandolo di correre in modo “stupido”.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Schermaglie a cui lo stesso Hamilton ha deciso di mettere fine in occasione dell’ultimo Gran Premio degli Stati Uniti, quando ha incontrato Verstappen per parlargli faccia a faccia. “Gli ho detto ‘amico, sei un grande pilota, diamo un taglio a questa situazione che si è venuta a creare tra noi'”, ha rivelato il campione del mondo in carica ai microfoni di Channel 4.

Papà Jos calma i bollenti spiriti di Max

La conferma è arrivata anche dal padre di Max, Jos Verstappen: “Ho visto che Max e Lewis hanno parlato prima della gara e hanno concordato di non criticarsi più a vicenda sui giornali”, ha ribadito a Ziggo Sport. “Se succedesse qualcosa, ne discuteranno tra di loro”. Anche papà Jos ha a sua volta consigliato a suo figlio di deporre l’ascia di guerra: “Lui e Lewis non devono per forza essere amici”, ha commentato l’ex pilota. “Ma ho parlato con Max in proposito e spero che la prossima volta non dovremo discuterne difronte alla stampa. Lui dovrebbe concentrarsi sul suo lavoro in pista, come già fa, e quando i giornalisti sollevano la questione, far finta che non sia successo nulla”.

Ma Verstappen Senior si spinge oltre, sostenendo che l’acrimonia dimostrata da Hamilton nei confronti di suoi figlio Max sia motivata dal fatto che il campione si sente “minacciato” da lui. “Personalmente, credo che Lewis abbia paura di Max in pista”, ha sostenuto. “Questo è evidente quando lo si vede correre: si prepara ad una battaglia dura ogni volta che Max si avvicina a lui. E questo è un merito per Max, che ha raggiunto questo status grazie al suo stile di guida e al suo modo di gestire la stampa”.

Hamilton-Verstappen, rivalità che piace

Ma ci sono anche degli addetti ai lavori che hanno apprezzato questo duello, culminato con un incontro ravvicinato nelle qualifiche di Austin. Tra questi l’ex campione del mondo Jacques Villeneuve: “Ai tifosi è piaciuto, è esattamente il tipo di rivalità che vogliamo in Formula 1”, ha chiosato ai microfoni di Sky Italia.