Donald Trump (foto dal web)

Nel cosiddetto Super Tuesday, ossia un test in vista delle elezioni per la Casa Bianca che si terranno nel 2020 il Presidente Donald Trump ha perso due elezioni su tre.

I risultati non godono ancora dell’ufficialità, ma dalle prime indiscrezioni pare che Donald Trump, attuale presidente degli Stati Uniti d’America, abbia perso terreno. Nel cosiddetto Super Tuesday, ossia un test in vista delle elezioni per la Casa Bianca che si terranno nel 2020, il tycoon ha perso due elezioni su tre.

Donald Trump, perde terreno: nel Super Tuesday confermata l’ascesa dei Democratici

Stando ai primi dati emersi, riporta l’Ansa, Donald Trump avrebbe  perso due elezioni su tre. Il Super Tuesday, ossia un test in vista delle elezioni per la Casa Bianca che si terranno nel 2020, avrebbe fatto emergere l’emorragico calo di consensi nei confronti del Tycoon di recente avvolto anche dall’ombra dell’impeachment.

In Kentucky, nonostante il divario tra i due contendenti sia stato minimo, il candidato dei democratici Andy Beshear si sarebbe imposto sull’attuale governatore repubblicano Matt Bevin con il 49,2% dei voti contro il 48,9%. Risultato indicativo del crollo di Trump considerato che il Kentucky  era uno degli stati dove il Tycoon aveva staccato Hillary Clinton del 30%.

Altro risultato storico per i democratici in Virginia, dove dopo 20 anni sono riusciti a riconquistare il parlamento. Tuttavia c’è da specificare che già durante le elezioni del 2016, in questo Stato Donald Trump aveva ottenuto una maggioranza risicata: solo 5 punti percentuali in più rispetto alla Clinton. Curiosità riguardante la Virginia: stando a quanto riportato dalla redazione di Virgilio, tra gli eletti ci sarebbe anche Juli Briskman la donna resasi famosa per aver mostrato il dito medio al corteo di Donlad Trump nel 2017. Licenziata dopo il plateale gesto si è accaparrata la fiducia dei dem che l’hanno eletta supervisore della contea di Loudoun avendo la meglio sulla rivale repubblicana Suzanne M. Volpe.

Lustro ai repubblicani solo in Mississippi dove il 93% delle schede scrutinate, riporta l’Ansa, avrebbe ribadito i consensi per il candidato repubblicano Tate Reeves che resta in testa davanti a quello democratico, l’attorney general Jim Hood. Un successo quello in Mississippi che consente a Donald Trump di mantenere salda la carica in uno stato dove nel 2016 vinse solo con il 17% di scarto.

Leggi anche —> Famiglia brutalmente massacrata: nove le vittime, di cui sei bambini