Smartphone in carica
(foto dal web)

Muore fulminata a soli 17 anni per il cavo sollevato del caricabattiere del telefono: la tragica scoperta della madre della ragazza.

Una vera tragedia ha colpito una famiglia in Thailandia dove una 17enne è morta fulminata a causa di un cavo scoperto dal caricabatterie del cellulare. A scoprire il corpo, ormai senza vita della giovane, è stata la madre dopo il rientro a casa.

Morta fulminata per il cavo scoperto del caribatterie del telefono

Nong Ying, 17 anni, non ha avuto scampo morendo in un modo davvero assurdo. Mentre stava utilizzando il telefono in carica, collegato alla rete elettrica da un cavo danneggiato, avvolto da un nasto adesivo, è stata colta da una scossa elettrica che sarebbe stata causata dal tocco del cavo alla struttura del letto in alluminio. La 17enne è morta all’istante e per lei non c’è stato nulla da fare.

Secondo quanto riporta il Daily Mail, a scoprire il corpo senza vita della ragazza è stata la madre Boonpeng Tuponchai, 47 anni. Rientrata a casa, la donna ha inizialmente pensato che la figlia stesse parlando. Poi, però, è andata a svegliarla e solo allora si sarebbe resa conto di quanto accaduto. Nel toccarla, la donna sarebbe stata raggiunta da una scossa elettrica. Allarmata, ha immediatamente staccato la corrente elettrica dall’appartamento ma per la figlia che presentava anche ustioni alla mano con cui, probabilmente stava usando lo smartphone, non cìè stato nulla da fare.

“La ragazza potrebbe aver accidentalmente toccato il bordo del letto che è di metallo ed è stata fulminata. Tuttavia, dobbiamo ancora raccogliere prove ed esaminare il corpo per l’esame post mortem prima di poter confermare la sua causa di morte, non escluderemo nulla in questa fase”, ha spiegato l’investigatore Khanti Peansoongnern come si legge sul Daily Mail. Sulla tragedia avvenuta, comunque, le autorità investigative stanno continuando ad indagare.