Haas (©Getty Images)

F1 | “Mi è esploso un disco dei freni”. Ecco cosa è successo ad Austin

Lo abbiamo visto impantanato nella ghiaia ad appena due tornate dalla fine mentre davanti si consumavano il sorpasso di Valtteri Bottas su Lewis Hamilton e l’aggancio al retrotreno della Mercedes #44 da parte di Max Verstappen. Kevin Magnussen ha provato un vero e proprio brivido quando si è accorto di non avere più freni alla curva 12 del circuito texano.

Ho avuto il pedale lungo per tutta la gara e avevo chiesto di dare un’occhiata appena una tornata prima“, ha rivelato non senza la sua consueta vena polemica nei confronti del muretto Haas a Motorsport.com. “Loro però non hanno notato niente di strano e le temperature erano a posto, quindi ho continuato, poi il disco è esploso“, ha aggiunto il particolare eclatante e preoccupante.

Sedicesimo al momento del guasto, il danese è stato comunque autore di un gran premio positivo, impreziosito da sorpassi e battaglie.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Ho persino superato una Red Bull e questo è buono. Successivamente ho cominciato ad andare indietro“, ha raccontato a proposito dei nove giri effettuati in zona top 10. “Sapevo che non sarebbe durata e nel tentativo di mantenere la posizione ho rovinato le coperture. Ad ogni modo, anche se le avessi gestite meglio, non sarebbe cambiato un granché. Eravamo senza speranza“, ha concluso con un amaro commento.

Incapace di progredire nell’arco della stagione e addirittura protagonista di un passo del gambero clamoroso dal dopo vacanze estive, per cui gli unici punticini segnati dicono Russia proprio a firma del biondo più contestato dello schieramento, il team a stelle e strisce si sta confermando come una delle grandi delusioni del 2019 assieme all’Alfa Romeo.

A due round dal termine del campionato l’equipe statunitense è penultima della generale costruttori con 29 lunghezze.

Chiara Rainis