Max Verstappen (©Getty Images)

F1 | Impresa di Verstappen in Texas: sul podio malgrado l’auto bucata

Per una volta ha saputo stare lontano dai guai in corsa, ma ciò nonostante Max Verstappen, tagliato il traguardo di Austin ha scoperto di avere la monoposto malandata.

Terzo alla bandiera a scacchi il pilota Red Bull, sceso dall’abitacolo al parc fermé ha avuto modo di constatare la presenza di un buco nel fondo della sua RB15.

Giunto a 5″ dal vincitore Valtteri Bottas e autore di un GP costante e solido, l’olandese ha ammesso alla fine che “quel problema ha certamente influito sul passo gara“.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

“Avevo un forte oversteer”, ha argomentato. “Al principio si pensava fosse un guasto all’ala anteriore, che era leggermente danneggiata, ma a fine gran premio ho guardato la macchina e mancava un pezzo grande del fondo, proprio davanti ad una gomma posteriore. Questo mi è certamente costato tempo prezioso“.

Non so cosa sia successo, ma già nelle prime tornate avevo avvertito un comportamento strano dell’auto. Non avevo mai sentito una cosa così prima. Dunque siamo stati un po’ sfortunati. Penso che avremmo potuto essere più forti“, la sua considerazione conclusiva.

A dare conferma della rottura che probabilmente ha impedito al figlio d’arte di insidiare Ham per la seconda posizione, il team principal degli energetici Christian Horner.

“Siamo stati protagonisti di un fine settimana abbastanza positivo e sabato ci siamo fermati a pochi centesimi dalla pole position, tuttavia alla domenica abbiamo perso una parte del fondo all’inizio della corsa“, ha affermato alla stampa il responsabile della scuderia austriaca. “Abbiamo inoltre rovinato una paratia dell’ala a seguito di un contatto durante il primo stint e dal giro 5 abbiamo patito una mancanza di carico a causa di un buco considerevole nel fondo“, ha infine spiegato l’inglese.

Chiara Rainis