romina power
Romina Power

Romina Power non perde le speranze: la nota cantante ha deciso di lanciare un appello su Instagram riguardante la scomparsa della figlia Ylenia Carrisi, svanita nel nulla negli Stati Uniti nel 1994.

L’appello di una madre che non ha perso le speranze nonostante la figlia sia scomparsa ben 26 anni fa. Romina Power ha deciso di pubblicare una foto di Ylenia Carrisi, svanita nel nulla negli Stati Uniti nel 1994 chiedendo un aiuto al popolo del web: “Se qualcuno riconosce una donna che assomiglia a questa ragazza, per favore mi contatti“.

Ylenia Carrisi, Romina Power lancia un appello su Instagram: “Condividete se potete”

Novembre è il mese in cui è nata Ylenia. È scomparsa negli Stati Uniti nel gennaio 1994. Aveva 23 anni. Non ho mai perso la speranza di abbracciarla di nuovo. So che da allora deve essere cambiata, ma se qualcuno riconosce una donna che assomiglia a questa ragazza, per favore mi contatti. Grazie. Per favore, condividete, se potete“. Questo l’accorato appello corredato da una foto della giovane Ylenia Carrisi pubblicato da Romina Power sul proprio profilo Instagram. Una madre che non si è mai arresa all’idea che probabilmente la figlia abbia lasciato questa terra troppo presto. Al Bano fece accertare la morte della giovane dal Tribunale di Taranto e probabilmente questa fu la goccia che fece traboccare il vaso ormai carico di rancori della relazione con la Power tanto che fra i due intervenne un amaro divorzio. La nota cantante italoamericana non ha mai smesso di credere che la figlia Ylenia sia ancora viva diversamente da Al Bano, il quale in più di un’occasione si è detto convinto del contrario e del fatto che la figlia ora riposi in pace.

Nel corso degli anni numerosi sarebbero stati gli avvistamenti della giovane Ylenia, infinite le teorie sulla sua scomparsa. Un via vai di testimoni che avrebbero giurato di sapere che la ragazza era ancora viva, ma senza mai fornire un reale riscontro. Ogni parola sulla giovane non ha fatto altro che riaprire una ferita già di per sé inguaribile della famiglia, aggiungendo dolore al dolore.

Leggi anche —> Ylenia Carrisi scomparsa: “Ha una falsa identità ed è protetta”