Fernando Alonso (©Getty Images)

F1 | La McLaren non vuole Alonso: “Ci bastano Sainz e Norris”

Malgrado lui continui ad ostinarsi a mandare segnali di fumo al Circus in ottica 2021 quando entreranno in vigore le nuove regole tecnico/ sportive, la F1 prosegue nella sua presa di distanza. Insomma, a dispetto dei suoi desideri nessuno pare più volere in squadra Fernando Alonso.

A ribadire il concetto in occasione del GP del Texas, il nuovo team principal McLaren Andreas Seidl che, sulla scia di quanto già in precedenza dichiarato in corrispondenza con il weekend di Monza, si è detto soddisfatto dell’attuale coppia di pilota.

E non si può certo dare torto al manager tedesco. Se anche solo si guarda alla gara di Austin Norris e Sainz hanno davvero offerto un bello spettacolo in termini di sorpassi terminando rispettivamente in settima e ottava piazza, ma più in generale, senza proclami e polemiche in pubblico hanno progredito in maniera costante trasformandosi in habitué della top 10, mentre fino a pochi mesi fa la scuderia di Woking faticava ad arrivare al traguardo.

Dunque, direttamente dal paddock del COTA il CEO Zak Brown ha fatto sapere che non ci potrà essere spazio per il Samurai nel prossimo futuro. Una presa di posizione a sfavore dei sogni del campione di Oviedo rafforzata da quella il boss.

Siamo molto contenti delle prestazioni di Carlos e Lando e su di loro stiamo indirizzando tutto il lavoro di messa a punto della vettura. Sia che si tratti del simulatore, sia dei test in circuito“, ha tagliato il corto il germanico.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Chi va via perde il posto all’osteria, potremmo riassumere pensando alla situazione dell’iberico, che ormai vanta 38 anni e una pausa di una stagione.E difatti è molto difficile che potrà anche soltanto sedersi al “ragno”.

Al momento siamo soddisfatti dell’accordo raggiunto con Renault per quanto concerne l’utilizzo di Sergey Sirotkin come collaudatore. In ogni caso se ne discuterà il prossimo inverno“, ha poi concluso il dirigente.

Chiara Rainis