cancro sintomi sangue
(foto dal web)

Secondo un recente studio un frutto esotico sarebbe in grado di contrastare il diabete e l’obesità: si tratta dell’avocado, ormai da alcuni anni presente nei banchi di tutti i supermercati italiani, considerata la sua alta versatilità.

Un recente studio condotto dall’Università di Guelph, in Canada, avrebbe dimostrato che l’avocado può essere ritenuto un alleato naturale contro obesità e diabete senza alcun effetto collaterale. L’esotico frutto, ormai presente in quasi tutti i supermercati italiani, grazie alla sua grande versatilità può essere facilmente assunto.

Avocado, il frutto esotico che contrasta diabete ed obesità

Accelererebbe  la perdita di peso senza alcun effetto collaterale su reni, fegato e muscoli: questo il risultato della ricerca effettuato da un gruppo di ricercatori dell’Università di Guelph, in Canada, relativo alle proprietà benefiche dell’avocado. Il team di esperti, riporta Il Messaggero, avrebbe dimostrato che all’interno del frutto esotico sarebbe presente un composto in grado di inibire i meccanismi cellulari che portano al diabete. La sostanza contenuta nell’avocado, inoltre, non avrebbe alcun effetto collaterale su reni, fegato e muscoli. Principe della ricerca la scoperta che l’avocatina B (AvoB), molecola grassa presente solo ed esclusivamente nell’avocado, contrasta l’ossidazione incompleta nel muscolo scheletrico e nel pancreas, riducendo così la resistenza all’insulina. Per cinque settimane gli studiosi hanno aggiunto AvoB alle diete grasse somministrate al gruppo di ricerca formato da topi. Lo studio, pubblicato sulla rivista Molecular Nutrition and Food Research, ha dimostrato che i piccoli roditori, dopo l’inclusione dell’avocado nella dieta, erano arrivati a pesare meno dell’inizio dell’esperimento. Inoltre, i topi a cui era stato somministrato l’avocado hanno mostrato maggior sensibilità all’insulina. Lo studio è stato testato anche sull’uomo: persone che seguivano una dieta al cui interno erano stati innestati integratori di AvoB hanno mostrato una grande reattività alla molecola, facendo emergere la totale assenza di effetti collaterali su reni fegato e muscoli.

Uno studio, quello dell’Università canadese che avrebbe spalancato le porte a nuove e determinanti ricerche su diabete ed i disturbi metabolici. Essendo stata dimostrata l’assenza di effetti collaterali è possibile ritenere l’avocado come un ottimo alleato contro diabete ed obesità, sfatando il mito per il quale la sua polpa molto grassa possa causare danni a lungo termine a fegato e cuore.

Leggi anche —> La ragazza nella nebbia, il film che ricorda l’omicidio di Yara Gambirasio