Valentino Rossi (Getty Images)
Valentino Rossi (Getty Images)

MotoGP | Valentino Rossi: “Vi spiego dove ho perso il podio”

Valentino Rossi è stato autore oggi di una buona gara lottando per il podio con Andrea Dovizioso. Il Dottore ha dimostrato di essere in crescita pur denotando ancora una volta una palese inferiorità della Yamaha in termini di velocità di punta.

Come riportato da “Sky Sport”, Valentino Rossi ha così dichiarato: “Sono partito abbastanza bene, ma alla prima curva ho fatto un po’ di fatica e le Ducati mi hanno superato quindi ho perso un po’ di tempo. In ogni caso i primi giri andavo molto forte. Sono molto contento perché ho fatto il giro veloce, il record della pista, almeno quello, è una bella soddisfazione. Sono riuscito a superare un po’ di gente velocemente. Sono arrivato su Dovi e abbiamo fatto una bella lotta, è stato bello. Io ero un po’ più veloce nel misto e lui sul rettilineo”.

Il Dottore ha poi commentato i motivi che lo hanno portato ai piedi del podio: “Ho sperato sino alla fine che lui andasse in difficoltà con le gomme, ma alla fine sono andato più in difficoltà di lui anche perché noi facciamo i tempi i curva da piegati quindi è normale che consumiamo di più le gomme, però sono contento perché ho guidato bene. In questo weekend ho imparato un po’ di cose: come fermare la moto e come sfruttarla in accelerazione. Sono contento perché sono stato competitivo sino alla fine, non mi sono fatto superare da Rins. Mi dispiace moltissimo perché volevo salire sul podio, ma purtroppo con Dovi non ce l’ho fatta”.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Rossi: “Quest’anno sono cambiate tante cose”

Valentino Rossi ha anche analizzato le criticità della sua M1: “Secondo me la Yamaha sta lavorando, si sta impegnando. Nel 2019 è cominciato un nuovo corso perché negli ultimi anni abbiamo perso tanto terreno. In questi mesi è arrivata tanta gente nuova, si stanno impegnando ci chiedono cosa serve. Le moto vanno forte, soprattutto con gomma nuova. In accelerazione, con l’elettronica siamo riusciti a fare un buon miglioramento, però aspettiamo la nuova moto e il motore nuovo. Speriamo di migliorare sul rettilineo perché patiamo da Ducati e Honda“.

Il #46 ha poi proseguito: “Se lo seguivo dall’inizio potevo stare dietro a Marquez. Adesso devo controllare bene, ma da quello che ho visto lui alla fine è rimasto sempre lì. Purtroppo alla prima curva mi è entrato Petrucci, siamo andati entrambi larghi e Marquez è passato e forse quella è stata la chiave del mio podio svanito. Se fossi riuscito a stare con Marc probabilmente sarei salito sul podio”.

Infine Valentino Rossi ha così concluso: “Non me l’aspettavo, ma è cambiato tantissimo quest’anno il modo di guidare la moto, la frenata e dal Giappone stiamo frenando in maniera diversa, usiamo delle pompe diverse. Sto cominciando a prendere la mano per avere più feeling. La moto si comporta in maniera diversa e quindi è un po’ come ricominciare. Non è facile, però sono migliorato e se riesco è bello. Sul dritto facciamo molta fatica, poi io essendo più grosso perdo un po’ di chilometri”.

Antonio Russo