Marc Marquez (Getty Images)
Marc Marquez (Getty Images)

MotoGP | Marquez: “Vinales più forte, ecco a chi dedichiamo tutti la gara”

Marc Marquez ha portato a casa un altro ottimo podio. Lo spagnolo dopo una grandissima partenza si è ritrovato in seconda piazza e dopo un primo timido tentativo di colmare il gap con Vinales ha dovuto alzare bandiera bianca e accontentarsi della propria posizione.

Come riportato da “Sky Sport”, Marquez ha così commentato la propria prestazione: “Il record più bello oggi è mio fratello che ha vinto il Mondiale. Oggi era una gara dura e mi sono divertito molto con Dovizioso. Eravamo entrambi a manetta. Oggi Maverick era più forte e abbiamo fatto fatica a seguirlo. Sono contento però perché abbiamo fatto meglio di ciò che ci aspettavamo”.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Marquez spiega i suoi festeggiamenti per il Mondiale

Lo spagnolo ha poi parlato del giovane pilota morto ieri: “Sono dispiaciuto per il ragazzino che è morto. Lo conoscevo perché la Honda ha fatto spesso eventi ai quali ha partecipato. Noi quando scendiamo in pista accettiamo dei rischi per vincere e arrivare al vertice, credo che oggi tutti qui nel Motomondiale abbiano corso per lui”.

Marquez ha poi proseguito: “Ho pensato: se il primo giro facevo una  buona partenza potevo fare una bella gara altrimenti no. Quando mi sono trovato secondo pensavo di fare meglio, ma alla fine ho perso un po’ di tempo con Miller. In ogni caso Vinales oggi era imperdibile”.

Infine il rider della HRC ha così concluso: “Qui oggi il motore era importante, ma si faceva tanta fatica a prendere il grip. La gomma è calata tanto, ma è successo per tutti. Qui la Yamaha andava davvero forte. Dovi ha provato a superare Miller e anche io, ma lui è tosto ed è complicato superarlo. Abbiamo perso tanto tempo lì, ma era complicato comunque seguire Vinales oggi. Io ho messo il biliardo quando ho vinto il Mondiale e mio fratello le freccette perché questo che facciamo per noi è un lavoro, ma è anche un gioco, il nostro gioco preferito”.

Antonio Russo