Ambulanza Carabinieri
(foto dal web)

A Loranzè (Torino) durante la scorsa notte, una ragazza di 18 anni è morta impiccata al cancello di casa mentre provava a scavalcarlo perché aveva dimenticato le chiavi.

Una ragazza di soli 18 anni è morta la notte scorsa, tra sabato 2 e domenica 3 novembre, a Loranzè, in provincia di Torino. La 18enne sarebbe rimasta impiccata mentre provava a scavalcare il cancello della propria abitazione di cui aveva dimenticato le chiavi. Gli operatori sanitari del 118, giunti sul posto stamane dopo la chiamata della sorella della vittima, non hanno potuto far nulla per la 18enne di cui è stato possibile solo constatarne il decesso, probabilmente sopraggiunto per soffocamento.

Leggi anche —> Malore alla guida, tragedia nel pomeriggio: giovane padre perde la vita

Dramma nella notte: ragazza prova a scavalcare il cancello di casa, ma rimane impiccata

Tragedia nella notte a Loranzè, piccolo comune in provincia di Torino, dove una ragazza di soli 18 anni è morta impiccata al cancello della propria abitazione sita in via Canton Prelle. Secondo una prima ricostruzione effettuata dai carabinieri intervenuti sul posto e riportata dalla redazione di Fanpage, la 18enne sarebbe rientrata a casa in piena notte, dopo una serata trascorsa insieme agli amici, ma accorgendosi di aver dimenticato le chiavi, ha deciso di scavalcare il cancello. Purtroppo la ragazza, mentre provava ad oltrepassarlo è rimasta impigliata con gli abiti al cancello morendo soffocata. A scoprire la tragedia è stata la sorella della vittima che questa mattina ha trovato la 18enne priva di vita ai piedi del cancello. Probabilmente, riporta Fanpage, la giovane non aveva voluto svegliare la sorella per farsi aprire ed ha provato ad entrare in casa. Sul posto sono immediatamente intervenuti i soccorsi del 118, ma purtroppo per la ragazza non c’è stato più nulla da fare ed i medici hanno potuto solo constatarne il decesso. La salma, come riporta Fanpage, su cui non vi sarebbero segni di ferite o violenza, è stata trasferita presso il reparto di medicina legale dell’ospedale di Strambino (Torino) dove potrebbero essere svolti gli accertamenti del caso. Su quanto accaduto stanno indagando i carabinieri della compagnia di Ivrea intervenuti sul posto che stanno provando a ricostruire l’esatta dinamica dei fatti.

Leggi anche —> La drammatica storia di Grazia: costretta all’inverosimile per due ore di lavoro al giorno